SALVIAMO L'ITALIANO DI ODESSA

SALVIAMO L'ITALIANO DI ODESSA

Lanciata
10 agosto 2022
Firme: 82Prossimo obiettivo: 100
Sostieni ora

Perché questa petizione è importante

Lanciata da quintino di marco

Odessa, in Ucraina, è sempre stata "Italiana" ed oggi conserva un importante  patrimonio di documenti nella nostra lingua. Lo stesso si può dire dell'architettura (la Scalinata Potemkin è opera dell'architetto Boffo e il Teatro dell'Opera da Bernazzi) e della produzione musicale, basti pensare che "O sole mio" è stata scritta qui e non a Napoli da Giovanni Capurro e Eduardo Di Capua.

Vista la grave situazione che tutti conosciamo e che mette in pericolo questi beni, è necessario proteggere tutto ciò che è possibile: manoscritti, bozzetti per gli allestimenti teatrali, documenti contabili e notarili, opere d'arte, libretti d'opera e quanto è trasportabile. Il nostro contributo tecnico e scientifico sul fronte della catalogazione, della conservazione e del restauro dei beni culturali non ha rivali nel mondo. E' un patrimonio da portare, provvisoriamente, in Italia.

Si chiede quindi al mondo politico e istituzionale di tentare un intervento concreto di portare in territorio italiano almeno quanto nel corso della storia di Odessa è stato realizzato nella nostra lingua.

Ora che è possibile uscire dal porto organizziamo un Cargo della Cultura Italiana, certamente con l'impegno di restituire all'Ucraina quanto preso in custodia e intanto mettere a disposizione di studiosi e università la documentazione di due secoli di storia d'Italia, forse ancora da scoprire.

Sostieni ora
Firme: 82Prossimo obiettivo: 100
Sostieni ora