SALVIAMO IL PARLAMENTO ITALIANO

SALVIAMO IL PARLAMENTO ITALIANO

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
paolo antonio amadio ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Le Giunte delle elezioni della Camera e del Senato e a

            DOMENICA 25 SETTEMBRE SI VOTA COL ROSATELLUM !

I partiti avevano preso l’impegno di superare il Rosatellum e di dare al paese una nuova legge elettorale per restituire a noi cittadine e cittadini la rappresentanza in Parlamento. Ma non lo hanno fatto e noi siamo costretti a votare di nuovo con una legge incostituzionale e politicamente fallimentare.

IL 25 SETTEMBRE FACCIAMO VALERE IL NOSTRO VOTO E LA NOSTRA PROTESTA

1)    Facciamo una scelta “tecnica” di voto e contrassegniamo su ciascuna scheda elettorale solo il candidato/a uninominale del partito o della coalizione che preferiamo. Così diamo il nostro voto alla persona che preferiamo e contribuiamo alla sua elezione, non lo diamo a una lista plurinominale bloccata, che può contribuire a far eleggere altre persone di altre liste dei partiti più forti della coalizione.

2)    Dopo aver votato chiediamo al segretario del seggio di verbalizzare la nostra protesta contro l’attuale legge elettorale allegando un documento prestampato e legalmente verificato. Questa azione, a norma di legge, sostiene la campagna dei ricorsi contro il Rosatellum che da tempo procede con difficoltà in diversi tribunali. Questa protesta al seggio può arrivare ad attivare la Corte Costituzionale.

1)   link a  INDICAZIONI PRATICHE SU COME VOTARE E PROTESTARE

2)   link a  RECLAMO E PROTESTA da consegnare al segretario del seggio

Le due azioni sono collegate e possono fare la differenza. La Corte Costituzionale può sanzionare la norma del “voto congiunto obbligatorio” che non conteggia i voti singoli e distorce il voto. Si dovrebbe allora procedere al riconteggio dei voti singoli e la scelta “tecnica“ di voto 1) produrrebbe una nuova distribuzione dei seggi, più vicina alla nostra intenzione di voto e un Parlamento più rappresentativo del Paese reale.

I partiti hanno tutta la responsabilità di non aver dato al paese una nuova legge elettorale. Hanno voluto tenere il Rosatellum per non rinunciare al potere di decidere chi sarà eletto e al conseguente potere di scegliere candidati e candidate, col vincolo di mandato di fedeltà alle segreterie dei partiti. Il Rosatellum serve solo a questo.

CHE COSA AVEVANO DETTO I PARTITI DOPO IL TAGLIO DEI PARLAMENTARI

Andiamo tutti al seggio. L’appello vale anche per chi non intende votare ma può andare al seggio a presentare soltanto il RECLAMO E PROTESTA

il Comitato per la Rappresentanza parlamentare

http://perlarappresentanza.altervista.org/

Non può mancare il più sentito ringraziamento all'avv. Felice Carlo Besostri che ha instancabilmente assistito il gruppo di persone che ha concepito e articolato l'iniziativa elettorale. Persone provenienti da diversi gruppi di cittadinanza attiva, che cooperano per la riuscita dell’iniziativa, motivate dal desiderio di dare nuovo senso alla Democrazia, che sentiamo in pericolo. Ora ciascun gruppo di provenienza sta promuovendo l'iniziativa il più velocemente possibile, nella forma, nel modo e nell'ambiente che gli sono più congeniali.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!