PETIZIONE CHIUSA

Per la riapertura del Casale dei Cedrati

Questa petizione aveva 3.324 sostenitori


A due mesi dall'apertura, l'unico spazio culturale di qualità aperto a Roma nel 2015 è stato messo sotto sequestro e sgomberato in pochi minuti il 12 febbraio 2016. Tutte le attività sono state interrotte, gli appuntamenti cancellati e i dodici giovani assunti sono rimasti a casa. È l’atto finale di una serie di contestazioni, verbali, sanzioni, notificati da uffici diversi dell’amministrazione capitolina, più interessati ai conflitti tra di loro che alla restituzione del bene pubblico alla città.

Nel cuore del parco di Villa Pamphilj, il Casale dei Cedrati nei due mesi di apertura ha ospitato incontri e attività culturali, attività sportive, ludico-didattiche, mostre di giovani artisti internazionali, laboratori per bambini e corsi a cui hanno partecipato migliaia di persone. Oltre alle attività e ai servizi di caffetteria e di libreria, al Casale si poteva usufruire liberamente di tutti gli spazi, interni ed esterni, consultare libri e quotidiani, navigare in internet e giocare a ping-pong gratuitamente.

Con amarezza constatiamo che in una città ferita da innumerevoli abusi e vistosi comportamenti illegali come Roma, un progetto di recupero urbano e ambientale come Casale dei Cedrati viene stritolato da una incomprensibile e infondata decisione, frutto di una burocrazia lontana dagli interessi dei cittadini e sempre meno intenzionata a far ripartire la città nelle sue realtà più sane e significative.

Per saperne di più, clicca qui.

Sabato 20 febbraio, ore 11, Teatro Vascello, Via Carini 78, Roma
ASSEMBLEA CITTADINA
partecipa



Oggi: silvia conta su di te

silvia Nono ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Roma Capitale: Per la riapertura del Casale dei Cedrati". Unisciti con silvia ed 3.323 sostenitori più oggi.