Abrogazione Decreto Discriminatorio per gli Italiani iscritti all'AIRE

0 personas firmaron. ¡Ayuda a conseguir 2,500!

Al lograr la meta de 2,500 firmas, es más probable que la petición pueda ser publicada por los medios de comunicación locales.

La attuale normativa relativa alle “Misure urgenti per fronteggiare l´emergenza epidemiologica del Covid-19”, contenuta nei Decreti Legge e nelle Ordinanze emesse dal Governo e dal Ministero della Salute Italiano, stabiliscono una evidente DISCRIMINAZIONE fra cittadini italiani residenti anagraficamente in Italia e cittadini italiani residenti anagraficamente all'estero (A.I.R.E.), violando cosí l'articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana. La normativa in questione stabilisce che é vietato l'ingresso in Italia alle persone che, nei 14 giorni antecedenti, hanno soggiornato o sono transitate per uno dei seguenti Paesi: Armenia, Bahrain, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kosovo, Kuwait, Macedonia del nord, Moldova, Montenegro, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Serbia.

Fra le sole eccezioni al divieto ci sono i cittadini italiani, ma a condizione che siano residenti anagraficamente in Italia da data anteriore al 9 luglio 2020; vale a dire, che ai cittadini italiani residenti anagraficamente all´estero, gli é VIETATO L'INGRESSO nella propria Patria.

Chiediamo l'ABROGAZIONE di questa disposizione che riteniamo contraria alla Costituzione (art. 3) per quanto é evidentemente discriminatoria nel regolare il diritto concesso a tutti i cittadini italiani dell'art.16 della medesima Costituzione.