AL SINDACO DI TARANTO - PETIZIONE POPOLARE “CHIUDIAMOLA QUA!”

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


L’intera provincia tarantina subisce da ormai troppi decenni un’insopportabile aggressione del territorio e della salute dei cittadini per colpa di insediamenti altamente inquinanti, in spregio alle più comuni regole garantite dalla Costituzione italiana.
Nel comune di Taranto, in particolare, i danni derivanti ad ambiente e persone inducono nei cittadini immensa preoccupazione, soprattutto per quanto riguarda il futuro delle generazioni più giovani e dello sviluppo futuro dell’intero territorio. 
                                         

                                                CONSIDERATO CHE

  • la continua esposizione dei cittadini di Taranto agli inquinanti emessi dall’acciaieria ILVA continuano a causare nella popolazione fenomeni degenerativi accertati scientificamente che si traducono in malattia o morte;
  • Con deliberazione n. 1474 del 17/07/2012 ( Burp n. 116 del 06-08-2012 ) la Giunta Regionale ha adottato il documento “Piano contenente le prime misure di intervento per il risanamento della qualità dell’aria nel quartiere Tamburi (Ta) per gli inquinanti PM10 e benzo(a)pirene ai sensi del D.lgs.155/2010 art. 9 comma 1 e comma 2 ”, successivamente approvato con deliberazione di Giunta Regionale n. 1944 del 2/10/2012 ( Burp n. 147 del 10/10/2012);
  • a partire dal 1/12/2012 e in ottemperanza al Piano, ARPA Puglia comunica la previsione di un Wind Day con 48 ore di preavviso alle aziende sottoposte ad AIA ricadenti nell’area di Taranto e Statte. Queste ultime, ai sensi del Piano e in corrispondenza del Wind Day, sono tenute ad attuare una serie di interventi volti a ridurre le emissioni di inquinanti in atmosfera;
  • In tale piano vengono definiti i Wind Days , ovvero giornate caratterizzate da particolari condizioni meteorologiche (venti intensi con direzione di provenienza compresa tra i settori Ovest e Nord, assenza di precipitazioni) che determinano un impatto negativo sulla qualità dell’aria nel quartiere Tamburi di Taranto, con particolare riferimento al PM10 ed al benzo(a)pirene.
  • la preminente rilevanza del bene salute oggetto di riconoscimento incondizionato da parte dell'articolo 32 della Costituzione fa si che il bilanciamento tra le esigenze sociali e produttive, da una parte, e le esigenze di tutela dei beni messi in pericolo dalla prosecuzione dell'attività industriale, dall'altra, vada compiuto a favore delle primarie esigenze di tutela della salute della collettività.

                                                         VISTI

i presupposti di indifferibilità, straordinarietà e imprevedibilità dell’evento dei wind day,
                                           

                                          PRETENDIAMO CHE

  • Il Sindaco di Taranto, quale responsabile della condizione di salute della popolazione, assicuri con certezza ai cittadini che nulla hanno da temere dalle emissioni inquinanti dell’Ilva ;
  • In caso contrario, pretendiamo l’applicazione del principio di precauzione affinché la salute pubblica venga tutelata avvalendosi di tutti i mezzi che la legge mette a disposizione del Sindaco e del Consiglio comunale, fino all’eventuale ordinanza di arresto degli impianti .

                                                                     I cittadini sottoscrittori



Oggi: Genitori Tarantini e Liberiamo Taranto conta su di te

Genitori Tarantini e Liberiamo Taranto ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Rinaldo Melucci - Sindaco di Taranto: PETIZIONE POPOLARE “CHIUDIAMOLA QUA!” AL SINDACO DI TARANTO". Unisciti con Genitori Tarantini e Liberiamo Taranto ed 2.777 sostenitori più oggi.