Rimborso per eventi spostati/cancellati

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


A seguito degli eventi annullati o riprogrammati causa Covid-19, costatando il pessimo servizio clienti delle aziende organizzatrici, rivenditori di biglietti e addetti ai lavori che non forniscono nessuna risposta ai numerosi solleciti dei consumatori (indipendentemente dalla complicata situazione attuale), si richiede:

- Possibilità di rimborso (NO VOUCHER) per gli eventi annullati o riprogrammati in una data differente da quella originaria (riportata sul biglietto fisico / stampa a casa / ritiro sul luogo dell'evento.

- Possibilità di vendere tramite servizio "fanSALE" di Ticketone anche i biglietti acquistati con modalità "Ritiro sul luogo dell'evento".

Si specifica NO VOUCHER in quanto le società coinvolte non rispettano i consumatori e, di conseguenza, si suppone che gli stessi si rivolgano ad altre società (ticketing, ecc) alternative e più serie. 

INTEGRAZIONE (18/05/2020): ASSOMUSICA

Quanto enunciato sopra è esteso ad ASSOMUSICA e consociate (Comcerto, D'Alessandro e Galli, LiveNation, Vertigo, Vivo Concerti, ecc.) le quali pretendono di "rimborsare" i propri clienti con VOUCHER valido 18 mesi e utilizzabile per eventi dello stesso organizzatore.

I fan, consapevoli del difficile momento che vive la musica dal vivo, potrebbero anche essere disposti ad un Voucher ma alle seguenti condizioni:

- Validità voucher illimitata nel tempo (o almeno con validità minima di 5 anni);

- Possibilità di chiedere il voucher anche per eventi posticipati;

- Possibilità di utilizzo del voucher su qualsiasi evento nel territorio nazionale, indipendentemente dalla società organizzatrice dell'evento annullato.