Ridate la scorta a Grazia Pradella!

Reasons for signing

See why other supporters are signing, why this petition is important to them, and share your reason for signing (this will mean a lot to the starter of the petition).

Thanks for adding your voice.

Mario Comuzzi
1 year ago
La sicurezza dei magistrati deve essere garantita per lavorare con l'indispensabile serenità.

Thanks for adding your voice.

Graziella contino
2 years ago
Graziella Contino

Thanks for adding your voice.

emanuela ferro
2 years ago
la corruzione va combattuta e chi la combatte deve essere sostenuto e difeso

Thanks for adding your voice.

Clara Pretolani
2 years ago
Non ritengo giusto negare la scorta a chi sa batte con il proprio lavoro per rendere migliore il nostro paese

Thanks for adding your voice.

Andrea Chioini
2 years ago
...non bisogna abbassare la guardia nei confronti delle mafie

Thanks for adding your voice.

Davide Capone
2 years ago
La ricerca di verità deve essere tutelata

Thanks for adding your voice.

Salvatore Masala
2 years ago
Al Signor Prefetto della Provincia di Imperia

Al Ministro dell'Interno

Al Ministro della Giustizia

La decisione del Comitato Provinciale per l'ordine e la Sicurezza Pubblica della Prefettura di Imperia di togliere la scorta al magistrato Grazia Pradella mentre è impegnata in importanti inchieste in un territorio dove anche l’ultima relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia conferma essere stabilmente infiltrato dal crimine organizzato e crocevia di numerosi interessi malavitosi, sembra non considerare l'impegno profuso dal magistrato ed i rischi a cui è esposto.

La dott.sa Grazia Pradella ricopre attualmente l’incarico di Procuratore aggiunto di Imperia, è un magistrato, un servitore dello Stato che nei suoi più di trent’anni di lavoro ha condotto inchieste sulla criminalità organizzata, su Tangentopoli, sui servizi deviati, sul terrorismo internazionale e da ultimo sulla pubblica amministrazione. Un lungo e importante impegno, che non può essere riassunto in poche righe, ma che ha significato sacrifici, tensioni, pericoli per la sua incolumità e per quella dei suoi familiari, una costante che l’ha accompagnata in tutte le sue scelte di vita e professionali. Durante il servizio alla Procura di Imperia il magistrato è stato oggetto di pesanti intimidazioni, quelle che si provano quando estranei entrano nella tua casa prendono alcuni fogli di lavoro ma lasciano soldi e preziosi. E’ accaduto due volte, l’ultima volta solo un anno fa. Poi più nulla e i responsabili di questo gesto “inquietante” non sono stati ancora identificati. Oggi al magistrato è stata tolta la scorta, istituita con metodologie commisurate nel corso degli anni alla pericolosità del momento.

Come semplici cittadini non vogliamo ringraziare la dott.sa Grazia Pradella per aver svolto il suo compito come tanti magistrati con particolare perizia, ma per averlo fatto con passione rendendosi disponibile anche al confronto e al dibattito per diffondere quei valori che sono alla base della nostra società civile. Come è accaduto, ad esempio nell’ambito della rassegna:” Il festival della legalità e delle Idee”, che l’ha vista protagonista a fianco del Circolo Peppino Impastato, dei Martedì Letterari del Casinò e con la partecipazione di scuole ed insegnanti di tutta la provincia e magistrati, giornalisti scrittori di tutto il paese.

Ci impegneremo fino a quando non saranno ripristinati idonei dispositivi di protezione per Grazia Pradella, ad alto rischio per la propria incolumità, e consegneremo la presente petizione al Prefetto di Imperia ed ai Ministri del Governo.

RIDATE LA SCORTA A GRAZIA

Thanks for adding your voice.

Giovanna Isabella Manganaro
2 years ago
Perché condivido la stessa idea

Thanks for adding your voice.

placido cavallaro
2 years ago
chi combatte i reati deve essere sempre tutelato e ammirato

Thanks for adding your voice.

Nicola Alimandi
2 years ago
Scandaloso togliere la scorta al magistrato, volete altri Falcone e Borsellino?
di martiri ne abbiamo avuti troppi,ci servono servitori dello stato vivi.