PETIZIONE 5.000 ASU SICILIANI NON PIU' PRECARI

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Sig.Presidente,

come a Lei è ben noto,da ben quasi 25 anni, 5.000 precari ASU, pur appartenenti al bacino unico di fuoriuscita del precariato,sono impegnati come risorse umane ed essenziali, nelle diverse categorie e profili, a sostegno dei servizi degli Enti locali siciliani ,che per effetto di molti pensionamenti ,sono stati svuotati  in questi anni di ben oltre 25.000 unita'.Tra tre anni, i Comuni siciliani si troveranno solo nelle loro dotazioni organiche  con altri precari,in gran parte gia' stabilizzati in questo ultimo anno, per far fronte con immense difficolta' ,ad assicurare beni e servizi efficienti. Da diversi anni, i Governi regionali che si sono succeduti ed il Suo,pur avendo preso impegni ben precisi, hanno poco fatto o niente in loro favore. Invero, esistono norme ben precise e strumenti legislativi che si intendono qui riportati ,ultima la legge Madia, per chiudere il precariato. La Regione Siciliana si ostina, adducendo di non possedere la capienza finanziaria per procedere alla stabilizzazione, passando la palla al Governo Nazionale. Qualunque sia il motivo, si tratta di procedere con la rapida approvazione di una" lex specialis"che ponga fine a questo dramma che si presenta anche sotto l'aspetto sociale ed economico, data la sussidarieta' del sostegno pari a circa 600 euro mensili,come allarme sociale e, che potrebbe sfociare, in azioni forti e di dura lotta democratica e civile. Pertanto,impegniamo Ella e le Istituzioni in indirizzo, ad assumere le piu' adeguate risposte ed avviare ogni inziativa propulsiva per dare termine entro questo anno e ,comunque,non oltre il 2.020, ad ogni atto finalizzato alla stabilizzazione,in favore di tutto il precariato siciliano che" in nero"lavora nella Pubblica Amministrazione siciliana,contro ogni dettato Costituzionale.     I più referenti ossequi. 

I precari Asu sottoscrittori.

 

 

 

 

 

 

 

 


Vuoi condividere questa petizione?