E-commerce consegne domenicali

E-commerce consegne domenicali

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Amazzaon group ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Regione Lombardia e a

Il colosso americano AMAZON, presente anche in italia da qualche anno, ha deciso all'improvviso di effettuare le consegne il giorno di domenica , in gran parte dei propri Hub distribuiti nel territorio italiano. 

Certo, all'apparenza potrebbe sembrare un'occasione per creare nuovi posti di lavoro ma nella realta', le persone che consegnano fisicamente i pacchi a domicilio del cliente, vengono obbligati a redistribuire il proprio orario di lavoro sui sette giorni anziche i precedenti sei. Questo utilizzando le forme di ricatto morale subordinate ai contratti determinati dove le aziende inseriscono, nei rinnovi o nelle proroghe .Ovviamente non e' Amazon direttamente che lo fa ma le aziende a cui il lavoro del reparto consegne viene appaltato dalla stessa multinazionale scaricando cosi' la propria responsabilita'.In poche parole Il committente (Amazon)chiede e le appaltatrici subiscono. 

In regione Lombardia e' gia' una realta' cosi come in altre regioni. I lavoratori devono subire la volonta' del colosso sacrificando famiglia e tempo libero. Nessuno apre bocca, i clienti , molti ne sono addirittura ignari, il traffico domenicale verra' ulteriormente congestionato senza contare il pericolo creato dal monopolio del colosso. 

Diciamo stop a questa vergogna. Nessuno ha veramente bisogno del pacco amazon la domenica, nessuno ha bisogno di vedere furgoni bianchi congestionare le proprie citta' , nessuno ha bisogno di sacrificare il proprio tempo libero per un capriccio di un colosso americano, nessuno ha bisogno di essere ricattato sulla base del lavoro domenicale o meno. 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!