CARO AFFITTI E POCHE RESIDENZE UNIVERSITARIE: ATTENDIAMO UNA CASA!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


CARO AFFITTI E POCHE RESIDENZE UNIVERSITARIE    
DA QUI NON LEVIAMO LE TENDE: ATTENDIAMO UNA CASA!          

Siamo studentesse e studenti, idonei ed esclusi dalle residenze universitarie, fuorisede che hanno scelto di studiare in questa città e che si sono ritrovati a pagare oltre 500€ al mese di affitto per una stanza singola.

Federica, Diego, Marco sono solo alcuni tra gli oltre 5.000 studenti rimasti senza alloggio quest’anno, costretti a cercarsi una casa da sé, a fare i pendolari dal proprio paese fino all’università, o spesso ad abbandonare gli studi perché impossibilitati a mantenersi in una città in cui avere un tetto sopra la testa sembra essere un lusso riservato a pochi.

Nessuno sembra occuparsi di questa problematica, dando per scontato che chi non ha un alloggio e vuole studiare in questa città debba dormire in una tenda dentro l’università pur di riuscire a seguire lezione e a dare gli esami!

Qualche giorno fa eravamo a piantare simbolicamente delle tende sul pratone della Sapienza per ribadire che non ce la facciamo più, che vogliamo risposte concrete dalla politica e dall’amministrazione regionale e comunale, che per tanti anni ci hanno fatto delle promesse ma ancora stentiamo a vedere dei risultati reali.

Lanciamo questa raccolta firme rivolta a tutte e tutti per chiedere che:

-              la Regione Lazio faccia uscire il bando per il contributo affitto il più presto possibile, per permettere agli studenti che pagano un affitto altissimo di riuscire a coprire una parte delle spese;

-              il Comune di Roma si impegni a portare a termine il tavolo di confronto per il rinnovo della convenzione tra proprietari e inquilini per l'accesso al canone concordato (che comporta la riduzione delle tasse sulla casa per i locatori che propongono contratti a canone calmierato), così da non lasciare gli studenti nel mercato libero, e si impegni nello stabilire un tetto massimo per gli affitti

-            che tutti gli idonei non beneficiari di borsa di studio vengano dichiarati vincitori e percepiscano la prima rata della borsa a partire da subito, così da permettere a chi ha perso l'alloggio ma è idoneo di borsa, di potersi mantenere e pagare l'affitto;

-           il Comune di Roma e la Regione Lazio si impegnino nella riconversione del patrimonio pubblico dismesso e dei beni confiscati alle mafie in residenze universitarie;  

 Ci continueremo a mobilitare nei prossimi giorni, incontrandoci in assemblea nelle tre università romane, per conoscerci e organizzare una protesta contro un problema che non è più rimandabile. In una città in cui ci sono oltre 200.000 appartamenti vuoti, in cui ci sono troppe persone senza casa e troppe case senza persone, dobbiamo far sentire la nostra voce alla politica e alle amministrazioni competenti! Torneremo con le tende a rivendicare i nostri diritti!

Firma la petizione e falla girare!                              

Noi da qua non ce ne andremo perché #atTENDiamounacasa!



Oggi: Link Roma conta su di te

Link Roma ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Regione Lazio: CARO AFFITTI E POCHE RESIDENZE UNIVERSITARIE: ATTENDIAMO UNA CASA!". Unisciti con Link Roma ed 333 sostenitori più oggi.