Ripristiniamo la linea ferroviaria Budrio-Medicina-Massalombarda

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Perché è importante riattivare la linea Bubrio-Medicina-Massalombarda!

Di seguito riportiamo una serie di argomentazioni,che confermano la sostenibilità infrastrutturale, sociale ed economica della riattivazione della linea ferroviaria Budrio-Medicina-Massalombarda.
è chiaro che è indispensabile per una sua riattivazione ,la piena collaborazione e volontà in primis delle diverse istituzioni locali e regionali interessate ed il coinvolgimento di tutti i cittadini.

Sostenibilità infrastrutturale ed economica.

il tracciato della linea che da Budrio si diramerebbe verso medicina(come vedete nella foto), è sostanzialmente libero da costruzioni e/o da altre opere pubbliche.L'unica variante che fu evidenziata nello studio di fattibilità del 2003 riguarda la città di Medicina,sia per motivi legati alla viabilità,sia per il fatto che nello studio veniva evidenziata anche la necessità di spostare i tubi dell'acquedotto in quanto in base alla pianta dei sotto-servizi,questi sarebbero in linea(per un tratto) con il sedime in superficie.Inoltre la riattivazione della linea che avrebbe una lunghezza di 26 km dovrebbe comportare la costruzione di due stazione per poter effettuare gli incroci ossia Medicina e Sesto Imolese e di 3 fermate Guardata-Villa Fontana-Via Nuova.Facendo un parallelismo con la riattivazione della linea Casalecchio-Vignola avvenuta nel 2003 ,la riattivazione della linea Budrio-Medicina-Massalombarda risulta a nostro modesto avviso meno complicata in quanto per la Linea Casalecchio- Vignola le due stazioni porta Vignola e Casalecchio Garibaldi furono completamente ricostruite da zero.Invece la stazione di Budrio della linea FER e la stazione di Massalombarda di RFI sono attive e pienamente funzionanti.L'unico limite è rappresentato dal fatto che il tratto rfi che da Massalombarda passando per Lugo giunge a Ravenna non è elettrificato.Di che si potrebbe pensare in una prima fase ad una riattivazione della linea con trazione termica per poi procedere con appositi accordi con rfi ad una elettrificazione della linea che da Massalombarda giunge a Ravenna per passare ad un servizio ferroviario con trazione elettrica.

Per quanto riguarda i costi economici per la costruzione della linea (ossia messa in posa dei binari e ricostruzioni delle stazioni e delle fermate) questo sarebbe di 4 milioni di euro a km come indicato nello studio di fattibilità del 2003 per un totale di 104 milioni di euro(importo che si potrebbe ricercare nell'ambito dei finanziamenti europei) mentre i costi per il mantenimento dell'esercizio sarebbero di 5 milioni di euro all'anno compensati da 2 milioni di euro derivanti dalla bigliettazione,da 1.500.000 euro derivanti dalla razionalizzazione dei servizi auto-sostitutivi,e da 2 milioni di euro derivanti da benefici sociali, ossia minor utilizzo di auto,valorizzazione dei territori interessati dal passaggio della ferrovia ecc.

Sostenibilità Sociale.
Per quanto riguarda invece l'importanza sociale della riattivazione della linea ferroviaria Budrio-Medicina-Massalombarda il dato più importante è rappresentato dal fatto che si avrebbe un'alternativa nel collegamento ferroviario,rispetto ad R.F.I.che unirebbe l'Emilia con la Romagna.
Questo collegamento consentirebbe di unire l'Ospedale di Budrio con l'ospedale di Lugo servizio fondamentale per i cittadini ,anche perché distano dalle rispettive stazioni ferroviarie meno di 800 m.

Inoltre il collegamento ferroviario raggiungendo la città di Ravenna consentirebbe in estate di avere una valida alternativa all'auto per il raggiungimento delle località balneari con effetti economici positivi per l'intero indotto alberghiero,località balneari che da Ravenna potrebbero essere servite da servizi bus navetta derivanti dalla razionalizzazione dei servizi auto-sostitutivi attualmente presenti sulla direttrice Budrio-Medicina-Massalombarda-Lugo-Ravenna.

 

 



Oggi: GAETANO conta su di te

GAETANO BELLOBUONO ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Regione Emilia Romagna,Assessorato Trasporti Regione Emilia Romagna,Comune di Medicina,e di Imola: Ripristiniamo la linea ferroviaria Budrio-Medicina-Massalombarda". Unisciti con GAETANO ed 682 sostenitori più oggi.