Una strategia di sviluppo culturale nel nome di Giordano Bruno

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Nola e il Nolano meritano una strategia di sviluppo culturale nel nome di Giordano Bruno

Giordano Bruno continua ad essere studiato, con successo, ovunque nel mondo e ne viene sempre più messa in luce la straordinaria attualità nel nuovo mondo digitale. Egli potrebbe rappresentare un testimonial di esclusivo valore per radicare a Nola (la sua città che, unica nel suo genere, accompagna il suo nome alla elaborazione di Bruno nella sua Nolana filosofia), attività di formazione e di ricerca sulle forme delle relazioni a rete di cui le intuizioni del grande Filosofo sono considerate,  in modo sempre più avvertito, matrici ed origine.

Nella nuova economia del sapere il valore di un territorio si misura proprio con la sua capacità di essere protagonista sulla scena della formazione e della elaborazione continua: un grande motore di pensiero e di relazioni globali, quale l’eredità di Giordano Bruno ha dimostrato di essere, che potrebbe renderci più forti, anche nella capacità di proiettare i nostri giovani sul palcoscenico del futuro.

Nonostante tutto questo, Nola continua a non avere una sua Istituzione culturale capace di animare e rendere concreta questa possibilità.

Nel primo decennio degli anni 2000 fu rilanciata e riorganizzata la Fondazione Giordano Bruno proprio in questa ottica con un significativo investimento della Regione Campania e d’intesa con il Comune di Nola. Nel 2009 si diede vita alla prima edizione della Biennale Bruniana con un significativo successo culturale e di pubblico.

Vi erano tutte le premesse per dare alla valorizzazione di Giordano Bruno un carattere sistematico e progettuale, anche in connessione con le tante e meritorie iniziative di Associazioni e di Istituzioni scolastiche che non hanno mai smesso di vivere sul territorio.

Eppure da anni ormai lo sforzo rappresentato dalla Fondazione è interrotto, senza che mai siano state rese note e pubbliche le ragioni di un sostanziale e grave disimpegno di tutte le istituzioni.

Alle soglie di un nuovo anniversario bruniano e di nuove celebrazioni in sua memoria chiediamo che il Nolano venga messo al centro di una rinnovata strategia culturale e di sviluppo per Nola e il suo territorio e che con questa ‘impronta’ venga ricostituita e rilanciata la Fondazione Giordano Bruno per il prossimo 17 febbraio 2018. Al tempo stesso pensiamo che in un rinnovato sforzo culturale vadano coinvolte tutte le esperienze vive sul territorio, il tessuto delle Associazioni, le istituzioni culturali, laiche e religiose, che vi operano.



Oggi: Infiniti Mondi conta su di te

Infiniti Mondi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Regione Campania: Una strategia di sviluppo culturale nel nome di Giordano Bruno". Unisciti con Infiniti Mondi ed 948 sostenitori più oggi.