Nuovo governo per la crisi climatica, ORA!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


La crisi di governo attuale giunge al termine di un periodo caratterizzato da un dibattito politico inconcludente e di infimo livello. Questa crisi, tuttavia, apre la possibilità per la formazione di un governo nuovo, che ponga al centro la sfida più importante che il genere umano deve ingaggiare per la sua sopravvivenza: la lotta alla crisi climatica.

Difficile, ma non impossibile! Per questo ho deciso di scrivere al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella la seguente lettera:

Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Egregio Presidente,

mi chiamo Luca Fidia Pardini, ho 30 anni e sono un dottorando della Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche e dei Materiali dell’Università di Pisa.

Le scrivo perché sono molto preoccupato per la situazione politica italiana. Fino ad ora non avevo mai visto un mondo politico così becero e così scollegato dai grandi temi che dovrebbero costituire le sfide maggiori della politica, dal livello locale dei comuni con poche centinaia di abitanti, al livello globale.

Sfide che non possono non comprendere la lotta alla crisi climatica. Crisi che è stata ormai dimostrata scientificamente, e a causa della quale alcuni Stati, soprattutto nel nord Europa, hanno dato una decisa svolta “green” alle loro politiche. E’ per questo motivo che sono allibito quando vedo che la stragrande maggioranza del dibattito politico italiano, sempre più dicotomico e infantile, si posa su questioni che non dipendono dalla politica, ma dalla magistratura, e semplifica in modo stupido altre questioni come quella dei migranti.

Adesso che si è aperta la crisi di governo, la possibilità di andare di nuovo al voto, dopo nemmeno due anni dalle ultime elezioni politiche, mi spaventa non poco. La ritengo uno spreco di tempo e di denaro, perché il Paese ha bisogno di un Governo che agisca sul tema della crisi climatica, immediatamente, e da ciò che si evince dal dibattito politico e dai sondaggi, le forze politiche che sembrano riscuotere più consensi sono anche quelle che più si disinteressano della crisi climatica, e più puntano su un clima d’odio che ottenebra la mente degli italiani ed è a loro funzionale per riscuotere suddetti consensi.

Detto questo, Le chiedo con convinzione di affidare un mandato esplorativo a una personalità che abbia a cuore il tema della crisi climatica, e che su queste basi metta in piedi un Governo che basi il suo agire sul suddetto tema, e che possa quindi essere sostenuto dalla maggioranza più ampia possibile, data la trasversalità del tema della crisi climatica, ed arrivare alla fine della legislatura in un clima di serena collaborazione riguardo alla salvaguardia del pianeta e al raggiungimento dell’equità sociale.

Con ossequi,

Luca Fidia Pardini