Fermiamo gli omicidi stradali

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Gli incidenti stradali continuano ad essere una delle principali cause di morte e di invalidità e rappresentano una percentuale troppo elevata rispetto all’ambizioso obiettivo del piano UE per la riduzione del numero entro quest'anno

Una percentuale molto alta è provocata da persone che, incuranti della propria vita e di quella altrui, si mettono al volante sotto l’effetto dell’alcol così come evidenziato dai rilevamenti di Carabinieri e Polizia Stradale sulla base delle contravvenzioni per guida sotto l’effetto di alcol e stupefacenti. 

In alcuni Paesi Europei sono già stati adottati sensori per rilevare la presenza o meno di alcol tramite respiro che in caso positivo bloccano l’accensione del veicolo.

Molto condivisibile la nuova direttiva in approvazione nel Parlamento Europeo (ASAPS)
I dispositivi che diventeranno obbligatori in tutti i veicoli sono:  
• L’assistenza intelligente alla velocità;
• Il sensore per rilevare la presenza o meno di alcol tramite respiro;
• L’avviso di attenzione in caso di sonnolenza o distrazione del guidatore;
• La frenata automatica d’emergenza;
• Il sistema di allerta nel caso l’auto non rispetti la segnaletica orizzontale.

Oltre all’adozione obbligatoria di tali strumenti il Parlamento Italiano dovrebbe promulgare leggi che garantiscano la certezza della pena per chi non ottempera alle stesse.

Con l’augurio di una pronta soluzione ai problemi sopracitati porgo deferenti ossequi.