Escursionismo/Scialpinismo prov. di Como

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Gentile Amministrazione e Pubblica Sicurezza

Siamo un nutrito gruppo di escursionisti/scialpinisti della Provincia Di Como.

La stagione invernale ormai è entrata nel vivo e la coltre nevosa ha miracolosamente ricoperto le nostre amate montagne, come poche volte è accaduto in questi anni.

L’attrazione irresistibile per l’ambiente e l’attaccamento a questi luoghi ci spingono a muoverci per poterli raggiungere, mantenendo sempre grande attenzione e rispetto per la natura e le persone, qualità che ci contraddistinguono. Non è infatti cosa rara incontrare in questi posti gente sorridente e pronta a salutare e, come ben saprà, in montagna vige la regola non scritta della solidarietà e condivisione di gioie e passioni, segno di grande civiltà.

Da mesi ci sforziamo di leggere e rileggere le disposizioni del Governo e delle Regioni, comprendendo la situazione e adattando il nostro comportamento a quanto ci viene chiesto. Ove e quando possibile, ci siamo sempre mossi da casa raggiungendo località in sicurezza, utilizzando i DPI, mantenendo le distanze previste ed evitando assembramenti.        

Siamo pienamente consapevoli di quanto stia succedendo attorno a noi e nella nostra Provincia. Molti nostri cari sono stati colpiti da questa brutta bestia ed in alcuni casi con esito fatale. Tuttavia, allo stesso tempo cerchiamo e proviamo ad andare avanti con ottimismo.

Ora, forse per stanchezza, forse per frustrazione, vorremmo tanto confrontarci seriamente, in modo costruttivo e civile con le nostre istituzioni.

L’Italia è il primo paese EU per somministrazione vaccini e, con l’entrata del Vaccino Moderna, le dosi disponibili saranno sempre maggiori. Questo successo per la nostra nazione ci fa ben sperare.

Nei giorni successivi al Natale molte persone si sono mosse verso le nostre Prealpi e lo hanno fatto in coscienza, meritandosi un po’ di aria fresca, neve e sole.

Come riportato in questo estratto della Provincia Di Como: “Può sembrare un paradosso, ma le restrizioni imposte dalla pandemia hanno permesso di riscoprire la nostra Valle che è tornata protagonista sia in estate che in questo inverno. C’è un evidente ritorno al passato grazie a coloro che vogliono godersi la montagna con gli sci in spalla e le racchette ai piedi per arrivare in cima alla salita e godersi lo spettacolo, o semplicemente godersi la natura con la famiglia e divertirsi in sicurezza nella nostra natura incontaminata» (https://www.laprovinciadicomo.it/stories/lago-e-valli/valle-intelvi-boom-di-presenze-protagonista-grazie-alla-neve_1382432_11/

Sfortunatamente, le nuove norme pubblicate in questi ultimi giorni sembrano non lasciare spazio a coloro che non vivono in comuni a ridosso dei monti a cercare un po’ di respiro sui nostri rilievi.

Tutti noi sappiamo quanti effetti benefici comporta l’attività motoria sia dal punto di vista fisico e soprattutto psicologico, specialmente in questo periodo. Molti di noi sono volontari del Soccorso Alpino. Ciò nonostante tutti condividiamo in modo unanime lo stesso pensiero. “muoversi all’aperto con coscienza non porta al peggioramento della pandemia”.

Detto questo vi chiediamo semplicemente di darci un vostro parere su questo tema. Davvero, ci sarebbe di grande aiuto avere delle informazioni più dettagliate e chiare rispetto alla nostra specifica attività.

Da parte nostra, sia nel caso di un vostro parere favorevole o sfavorevole, ci impegneremo sempre e comunque a rispettare le disposizioni e muovendoci in massima sicurezza, abbassando il livello di rischio al minimo al fine di evitare problemi al soccorso organizzato.

Ringraziando anticipatamente.

Firma.