Progettare il Paesaggio per uno sviluppo equo e sostenibile #paesaggio #landscape

L'AIAPP - Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, membro in Italia di IFLA - International Federation of Landscape Architects, ti invita a sottoscrivere il "Manifesto per il Progetto di Paesaggio, per uno sviluppo equo e sostenibile", documento finale del 53° IFLA World Congress 2016 di Torino.
Il Manifesto, sottoscritto dal Presidente AIAPP Anna Letizia Monti e dal Presidente IFLA World Kathryn Moore, invita l'Italia e tutti i Paesi del Mondo a diffondere la necessità di progettare i paesaggi a livello globale, per garantire equità, qualità, futuro, condivisione, sviluppo sostenibile. AIAPP chiede che il Governo Italiano si faccia promotore di iniziative concrete perchè ogni opera pubblica e privata di rilievo in Italia, sia espressione di qualità paesaggistica, e che si preveda l'obbligatorietà del Progetto di Paesaggio.


MANIFESTO del PROGETTO di PAESAGGIO
per uno SVILUPPO EQUO e SOSTENIBILE
Gli Architetti del Paesaggio di tutto il mondo, riuniti a Torino per il 53° Congresso Mondiale IFLA 2016 (International Federation of Landscape Architects), sottoscrivono questo documento programmatico con l’auspicio che venga recepito, condiviso e reso applicativo in tutti i Paesi.
PREMESSA
Il Paesaggio è un sistema dinamico, complesso, che si modifica nel tempo in risposta ai processi naturali e umani, con fondamentali valenze sociali e culturali, con relazioni strette con lo sviluppo economico, l’utilizzo e il mantenimento delle risorse naturali, la giustizia sociale, le culture e le identità collettive.
Si ritiene indispensabile rendere attuative e operative le indicazioni scaturite da COP21 – Conferenza delle Parti delle Nazioni Unite, che si è tenuta lo scorso dicembre 2015 a Parigi. Dopo l’immediato appello lanciato dalla Presidente IFLA World Kathryn Moore, si ribadisce oggi il ruolo fondamentale degli Architetti del Paesaggio di tutto il mondo per l’attuazione di COP21. Ridurre il riscaldamento globale del pianeta, migliorare la qualità dell’aria e incentivare una maggiore produzione di ossigeno sono obiettivi che si raggiungono progettando, realizzando e gestendo i paesaggi secondo principi di condivisione e sostenibilità, completando il quadro dei fondamentali valori della salvaguardia dell’identità dei luoghi, delle culture, e di quelle interazioni umane che vanno dal disegno del paesaggio agricolo all’inurbamento trasponendo nel fare umano i principi della biodiversità.
AIAPP, IFLA e gli Enti, Istituzioni e Associazioni riportate in calce, ritengono imprescindibili i seguenti 5 punti, a supporto dello sviluppo equo e sostenibile del pianeta.
1. CENTRALITÀ DEL PROGETTO DI PAESAGGIO. Il Progetto di Paesaggio è lo strumento irrinunciabile e fondamentale per garantire la qualità e l’evoluzione equa e condivisa dei paesaggi nel nostro Pianeta. Tale strumento, inteso come attività applicata per orientare tutte le trasformazioni ad ogni scala, è indispensabile per garantire la più alta qualità diffusa dei paesaggi e la loro sostenibilità nel futuro, a beneficio delle popolazioni mondiale.
2. DIFFONDERE LA CULTURA DELLE TRASFORMAZIONI POSSIBILI. Ogni trasformazione naturale e antropica genera evoluzioni e modifiche del Paesaggio, sulla sua qualità e con effetti temporali differenti. Riconoscere i valori paesaggistici, contribuisce ad orientare le politiche dei Paesi per regolare, nel tempo, la qualità delle trasformazioni possibili e la conservazione, l’evoluzione e il rinnovo dei paesaggi, risorse indispensabili di tutto il nostro pianeta e delle popolazioni che lo abitano.
3. FORMAZIONE. Per un’efficace politica di Paesaggio sono necessarie figure professionali con una specifica formazione universitaria e/o post-universitaria. In tal senso, si auspica che in ogni Paese siano sempre più promosse politiche formative a tutti i livelli (corsi universitari, Master, Scuole di Specializzazione, Dottorati di Ricerca), capaci di formare figure come l’Architetto del Paesaggio, dotate di alta formazione culturale e specifiche professionalità, che operano a livello pubblico e privato per la più ampia diffusione ed applicazione delle politiche di paesaggio. Attraverso le proprie organizzazioni, AIAPP e IFLA si impegnano a sensibilizzare gli Stati, le Istituzioni e i cittadini, per la formazione di tali figure professionali.
4. PROFESSIONE. La figura specifica dell’Architetto del Paesaggio è fondamentale per attuare le politiche in materia di Paesaggio di ogni Paese. Gli Architetti del Paesaggio, grazie alla loro formazione transdisciplinare, dialogano e mettono in relazione diverse professionalità. Questa figura è fondamentale per la progettazione, realizzazione, pianificazione, gestione e conservazione di ogni Paesaggio, naturale, storico, antropico, a tutte le differenti scale.
5. ATTUARE LA CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO. L’Europa ha sottoscritto nel 2000 la Convenzione Europea del Paesaggio, documento lungimirante e di ampio respiro sull’importanza del Paesaggio e sulle sue fondamentali implicazioni per il miglioramento della qualità della vita delle popolazioni.
AIAPP e IFLA auspicano che la Convenzione Europea del Paesaggio possa essere estesa nei suoi principi fondanti a tutto il mondo.
AIAPP e IFLA chiedono che la Convenzione sia pienamente attuata in tutti i Paesi Europei che l’hanno sottoscritta e ratificata ed estesa in altri continenti e regioni.


Anna Letizia Monti, Presidente AIAPP - Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio
Kathryn Moore, Presidente IFLA - International Federation of Landscape Architects

Torino, 22 aprile 2016


MANIFESTO for a LANDSCAPE PROJECT for EQUAL and SUSTAINABLE DEVELOPEMENT

The Landscape Architects from all over the world meeting in Turin for the occasion of the 53rd IFLA World Congress (International Federation of Landscape Architects) sign the present programmatic document under the auspicies that it will be implemented, shared and made executive in every country.

PREMISE
Landscape is a complex, dynamic system that changes over time in response to natural and human processes, regarding its fundamental social and cultural meanings, the close relationship with economic development, the use and preservation of natural resources, social justice and the cultures and their collective identities.
The Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (hereafter AIAPP) and the International Federation of Landscape Architects (hereafter IFLA) consider it essential for the recomendations made by COP21 - Conference of the Parties of the United Nations held in Paris in December 2015 - to become executive and operative. After the immediate appeal issued by IFLA President Kathryn Moore, today we reaffirme the fundamental role of Landscape Architects in the implementation of COP21. Reducing global warming, improving air quality and providing incentives for greater production of oxygen are objectives that can be reached by shared and sustainable principles of planning, constructing and managing landscapes in the respect of the fundamental values of identity of places, cultures and of human interactions - from the design of rural landscapes to urban settlements - thus transposing into human activity the issues of biodiversity.
AIAPP, IFLA and all the Institutions and Associations in annexes consider the following 5 points essential for the equal and sustainable development of our planet:
1. CENTRALITY OF THE LANDSCAPE PROJECT. The landscape project is the indispensable and fundamental instrument that ensures the quality and an equal and shared development of the landscapes of our planet. This instrument is the expression of the applied activity guiding all transformations in every scale and is necessary to guarantee the highest widespread quality of landscapes and their future sustainability for the benefit of the world's populations.
2. DISSEMINATE THE CULTURE OF POSSIBLE TRANSFORMATIONS. Any natural and anthropical transformation generates evolutions and changes in the quality of the landscape with different temporary effects. The recognition of landscape values contributes to the orientation of the Nations' policies to adjust the quality of possible transformations as well as the conservation, the evolution and renewal of landscapes that are essential resources for the entire planet and its inhabitants.
3. EDUCATION. An effective landscape policy needs professionals with a specific academic and/or postgraduate education. Therefore AIAPP and IFLA would like to see that in every country educational programs at all levels (university courses, Post-graduate courses, Specialization and PhD programs) are promoted, capable to form professionals with a high level of cultural and specialized education, such as Landscape Architects, working in the public as well as private sector, to widely disseminate and apply landscape policies. AIAPP and IFLA with its member organizations, Institutions and citizens are committed to raising awareness on the issue of a specific education for landscape professionals in the member countries.
4. PROFESSION. The Landscape Architect is a fundamental professional for the implementation of landscape policies in every country. By means of their cross-disciplinary education Landscape Architects can dialogue and relate with different professionals. This is an essential role in planning, building, managing and preserving any landscape at any scale, be it natural, historical or anthropical.
5. IMPLEMENTING THE EUROPEAN LANDSCAPE CONVENTION. In 2000 Europe signed the European Landscape Convention (ELC), a forward-looking and comprehensive document on the importance of landscape and its fundamental implications for the improvement of the quality of life of its inhabitants.
AIAPP and IFLA wish to extend the European Landscape Convention (ELC) in its fundamental principles to the whole world.
AIAPP and IFLA expect the European Landscape Convention to be fully implemented in every European Country that has signed and ratified it as well as similar frameworks to be created in other continents, regions and countries.

Anna Letizia Monti, AIAPP President - Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio

Kathryn Moore,IFLA President - International Federation of Landscape Architects

Turin, April 22nd 2016

This petition will be delivered to:
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
  • Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo
  • Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e forestali
  • Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
  • Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca
  • Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti
  • Ministro dello Sviluppo Economico


AIAPP - Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio started this petition with a single signature, and now has 1,703 supporters. Start a petition today to change something you care about.