RIAPRIRE SUBITO BUTAC, IL SITO CONTRO LE BUFALE

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


A seguito di un provvedimento della Procura di Bologna, il sito, che dal 2013 si occupa di debunking - ossia di verifica delle notizie diffuse in rete e via social network - dal 6 aprile risulta non raggiungibile. Non è la prima volta che Butac, con il suo archivio di migliaia di pagine analizzate per risalire alle fonti e ''smontare'' le presunte fake news, è nel mirino di querelatori ma mai prima era stato oscurato del tutto. Ora qualsiasi link che rimandi ai contenuti di Butac.it dà "not found".

Butac si è dimostrato in questi anni un prezioso strumento di informazione obiettiva, basata su dati rigorosamente scientifici: comprensibile che abbia dato fastidio a più di un bufalaro, inaccettabile che la magistratura adotti un provvedimento così severo, sulla base di una semplice querela, nelle more del giudizio.

Ti chiedo di firmare per far sentire forte la tua voce in difesa della libertà di espressione, di informazione e, soprattutto, per rivendicare il diritto di ogni uomo libero a difendersi ed essere difeso dagli effetti devastanti delle superstizioni, dell'ignoranza, dei falsi profeti.



Oggi: Pietro Manlio conta su di te

Pietro Manlio Gembillo ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Procura della Repubblica Tribunale di Bologna: RIAPRIRE SUBITO BUTAC, IL SITO CONTRO LE BUFALE". Unisciti con Pietro Manlio ed 500 sostenitori più oggi.