Salviamo le partite IVA

Salviamo le partite IVA

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Giovanni Tombolini ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidenza del consiglio dei ministri, Governo Italiano

A partire dal 01 gennaio 2020 è entrata in vigore la nuova manovra che ha portato delle novità sconcertanti per le partite IVA la prima è il limite al regime forfettario legato ai 30000€ da lavoro dipendente.

Il regime forfettario aveva dato la possibilità di far aprire la partita iva a tantissimi cittadini che con una tassazione al 15% potevano gestire la loro attività senza andare in sofferenza, ora con questa manovra ,scorretta ,tanta gente si trova in difficoltà perché passerà dal 15% di tassazione al 43% , naturalmente questo porterà alla chiusura di una infinità di partite iva.

Oltre questo le aliquote IRPEF sono state aumentate tutte portando non solo il titolare di partita iva a non poter più entrare in regime forfettario ma ad essere sottoposto ad un cuneo fiscale enorme rispetto all’anno precedente.

In questo modo lo stato che dovrebbe tutelarci ci ha messo in stato di necessità e nessuna attività riuscirebbe a rimanere in piedi con una perdita da una anno ad un altro di oltre il 40% di utili! 
Con questa petizione chiediamo l’abolizione del limite di 30000€ lavoro dipendente e la riduzione delle aliquote IRPEF per togliere tutti questi cittadini e famiglie italiane da questo stato di necessità.

Firmato le partite iva ITALIANE

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!