OBBLIGO AL LAVORO AGILE DEI LAVORATORI

OBBLIGO AL LAVORO AGILE DEI LAVORATORI

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Barbara Chia ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidenza del consiglio dei ministri, Governo Italiano

In Italia il lavoro agile, nonostante questi due mesi di coronavirus, ancora non è ben tollerato da alcune aziende. In vista delle varie riaperture di maggio 2020, in molte realtà i lavoratori sono e saranno obbligati a tornare a lavoro anche se di fatto potrebbero continuare a lavorare da remoto come fatto fino a ora. 

In questo momento storico, dove bisognerebbe agevolare chi non può fare altrimenti che recarsi sul posto di lavoro per percepire uno stipendio o agevolare la sanità per evitare il più possibile altri picchi di contagio, le aziende devono fare scelte sostenibili e di fiducia, ma, avendo il potere di decidere in autonomia, in molte stanno obbligando al rientro i propri dipendenti. 

Questo creerà affollamenti sui mezzi pubblici, traffico e, probabilmente, un conseguente contagio che dovrebbe essere evitato. 

Non dimentichiamo inoltre le scuole chiuse e che la situazione, nonostante le misure prese dal Governo, non agevola molti genitori che non possono permettersi una babysitter full time, 5 giorni a settimana. 

Chiediamo quindi che il Governo obblighi queste realtà a fare una scelta sostenibile e che sia definito per decreto legislativo in situazione di emergenza che chi può continuare con smartworking e lavoro agile continui a farlo fino a contrordine.

Si eviterebbe così di fare contagio inutile, di sovraffollare luoghi pubblici e lascerebbe a disposizione più bonus baby sitter a chi deve far ritorno fisicamente su posto di lavoro e non può in assoluto svolgere lavoro agile. 

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!