NO al 5G in Italia!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


È scientificamente provato che il 5G provochi seri danni alla salute dell’uomo.
Già a settembre del 2018, una richiesta di moratoria dell’introduzione del 5G, presentata alla Commissione europea da oltre 180 medici e scienziati di 35 nazionalità diverse, faceva riferimento a un «accresciuto rischio di tumori, demenza di Alzheimer e riduzione della fertilità», generato dall’esposizione del corpo umano alle radiazioni elettromagnetiche.

Martin Pall, Professore Emerito di Biochimica e di Scienza Medica alla Washington State University (Pullman, Stato di Washington),  ha già illustrato i maggiori danni sanitari provocati dal 5G, basandosi su recenti studi scientifici.

Le radiazioni pulsate emesse dal 5G sono molto più potenti di quelle standard e dieci volte più pervasive. La loro azione ricade anzitutto sulle cellule del nostro corpo, il cui equilibrio osmotico – quello che controlla la concentrazione di sali all’interno dei microorganismi – risulta gravemente compromesso.

Per questi ed altri rischi legati alla salute di ogni cittadino crediamo sia necessario stabilire un rigoroso principio di precauzione sul 5G, per proteggere l’uomo da potenziali pericoli.

Prima di qualsiasi valutazione, bisogna  tutelare i cittadini e l’ambiente.

NO AL 5G! Se sei d’accordo anche tu, firma questa petizione.

Di seguito alcuni link per approfondire la questione:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/09/11/5g-e-aumento-tumori-le-ultime-ricerche-parlano-chiaro-il-pericolo-esiste-ed-e-fondato/4615572/amp/

https://www.lavocedeltrentino.it/2020/03/11/5g-ecco-i-danni-causati-ora-chi-ha-coraggio-e-coscienza-per-dire-si/

https://www.macrolibrarsi.it/speciali/danni-da-inquinamento-delle-rete-cellulare-5g.php


https://www.laleggepertutti.it/296595_reti-5g-i-rischi-sulla-salute-non-detti/amp