Modifica legge sui vaccini anti-Covid19. Si a indenizzi e risarcimenti.

Modifica legge sui vaccini anti-Covid19. Si a indenizzi e risarcimenti.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
G F ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidenza del consiglio dei ministri, Governo Italiano

Il governo ritiene che i cittadini debbano assumersi la responsabilità di vaccinarsi contro il Covid-19, al fine di tutelare se stessi, la collettività e le persone più fragili. Nel corso del tempo sono state introdotte regolamentazioni sempre più stringenti, compreso il green pass per recarsi sul luogo di lavoro. Queste limitazioni nascono con il chiaro e dichiarato scopo di spingere le persone a vaccinarsi, fino al punto di costringere ad un esborso economico coloro che non intendono farlo.

Nonostante i numerosi richiami alla responsabilità giunti dalle massime cariche dello stato, il governo non ha voluto a sua volta assumersi alcuna responsabilità in merito ai possibili effetti avversi dei vaccini che, ricordiamo, possono causare effetti collaterali anche molto gravi, portando in alcuni rari casi fino alla morte.

L'attuale legge 210 del 25 febbraio 1992, riconosce indennizzi e risarcimenti unicamente alle vaccinazioni obbligatorie:

"[OMISSIS]chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge[OMISSIS]”

Se ne evince che le vaccinazioni anti Covid-19, poichè non obbligatorie ma raccomandate, non rientrano tra quelle indenizzabili. Allo stato attuale quindi, qualora un cittadino dovesse subire danni temporanei o permanenti a seguito della vaccinazione anti Covid-19, non avrebbe automaticamente diritto al risarcimento, ma dovrebbe intentare causa allo stato. Questo significa anni di processi, perizie mediche e spese di vario genere a carico del suddetto o dei suoi cari. La cassazione ha ritenuto che la differenza tra vaccinazioni obbligatorie e raccomandante non impedisce al cittadino di rivalersi sullo stato, ma dovrà essere il tribunale a stabilire le responsabilità.

Con la presenta petizione, noi firmatari chiediamo quindi che:

  • al cittadino, sentito il parere di medici ed esperti, venga riconosciuta la facoltà di esprimere una preferenza sul vaccino a cui sottoporsi
  • la legge 210 del 25/02/92 venga aggiornata includendo tutte le vaccinazioni raccomandate dallo stato, ivi comprese quelle anti-Covid19

Riteniamo infatti quantomeno ipocrita che il governo italiano richiami alla responsabilità ed emetta provvedimenti sempre più restrittivi al fine di spingere i cittadini a sottoporsi alla vaccinazione, senza tuttavia assumersi a sua volta alcuna responsabilità in merito. Inoltre, se lo stato riconosce come “rari “ o “rarissimi” questi effetti collaterali, non si comprende perché non voglia indennizzarli.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!