JUNIOR CALLY FUORI DA SANREMO SUBITO

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


QUESTE PAROLE VI FANNO CAPIRE IL MOTIVO DI QUESTA PETIZIONE!!!«L'ho ammazzata, le ho strappato la borsa. C'ho rivestito la maschera». Così cantava Junior Cally, il rapper romano che sarà in gara a Sanremo 2020. La rivendicazione di un  femminicidio. E meno male che doveva essere il festival delle donne - nelle intenzioni di Amadeus - dieci «bellissime» accanto al conduttore, di cui una bravissima a stare un passo indietro al suo uomo, Francesca Sofia Novello, fidanzata di Valentino Rossi. Il festival ancor prima di cominciare fa l'elogio delle “invisibili” e porta sul palco la star dell'hip hop che umilia - nei suoi testi - le donne. Come se non bastasse la gaffe sessista di Amadeus. Replica l'ufficio stampa del rapper: «Cally è contro la violenza sulle donne. Raccontare la realtà attraverso la fiction è la grammatica del rap. Al festival si sono ascoltate frasi anche più esplicite. La musica non c'entra, è una polemica politica».