CORONAVIRUS EMERGENZA PARTITE IVA

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


COORDINAMENTO DEI CENTRI COMMERCIALI DI VIA DELLA CITTA’ DI NAPOLI

In seguito alle misure straordinarie adottate per affrontare la diffusione del coronavirus a livello nazionale, stiamo assistendo alla chiusura temporanea di molte attività imprenditoriali quali: commercianti, liberi professionisti, agenti di commercio e attività di servizi,  per non parlare del disagio che vivono i dipendenti dei suindicati settori. Purtroppo, a causa delle incertezze causate da una situazione nuova e drammatica, sono venuti a mancare i regolari incassi che rappresentano la materia prima per affrontare tutti i pagamenti che un’azienda piccola o grande che sia deve sostenere.

Tali mancati introiti sono purtroppo irrecuperabili!!

Al fine di consentire al popolo delle partite IVA la sopravvivenza si chiede l’applicazione delle seguenti misure protettive URGENTI:

Lavoro

-          Prevedere Ammortizzatori Sociali ad hoc che integrino il salario dei lavoratori per le aziende che chiudono o che ridimensionano;

-          L’annullamento del pagamento dei contributi previdenziali sia a carico dei lavoratori che degli imprenditori;

-          Sospensione dei pagamenti dei rateizzi presso gli enti previdenziali;

-          Rilascio a TUTTI del DURC

Agenzia delle Entrate Riscossione

-          Sospendere e rinviare i pagamenti relativi alle scadenze delle rottamazioni già emesse ad una nuova data ;

-          Sospendere tutti i pagamenti relativi ai rateizzi;

-          Sospendere la notifica delle Cartelle Esattoriali;

Agenzia delle Entrate

-          Sospensione di tutti pagamenti relativi alle scadenze ordinarie in materia di IVA- IRPEF- IRES-IRAP

-          Rivedere il sistema di calcolo delle imposte scaturenti dall’UNICO

Tributi Locali

-          Per quanto concerne i tributi locali, si chiede di verificare la possibilità del ricalcolo dei tributi, legato all’effettiva produzione e/o operatività delle attività ristorative e commerciali.

Banche

-          Sospendere i pagamenti dei mutui, e tutte le forme di indebitamento bancario

Fitti

-          Sospendere il pagamento dei canoni di locazione, e/o in alternativa concedere un contributo da parte degli Enti interessati

 

Utenze

-          Apertura di una procedura mirata alle Partite Iva relativa a tutte le utenze, che preveda l’abbattimento o la riduzione delle stesse (sulla scia del sistema utilizzato per le categoria svantaggiate).

Si fa appello a tutti i destinatari affinché essi intervengano urgentemente per sanare il problema, ognuno per le proprie competenze e utilizzando ogni strumento atto a contribuire alla salvaguardia del patrimonio economico e ai posti di lavoro, facendo ricorso qualora fosse possibile, al CREDITO DI IMPOSTA, ai contributi delle REGIONI, ai contributi delle CAMERE DI COMMERCIO.