Repubblica Presidenziale per la governabilità.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


L'espressione Repubblica Presidenziale suona alle orecchie di molti come sinonimo di svolta autoritaria. In realtà garantire stabilità ai governi tutela la democrazia. Il Fascismo si impose approfittando proprio della instabilità dei governi: anche allora, come oggi, il Capo del Governo era eletto dal parlamento e non dal popolo, quindi senza un mandato quinquennale e in balìa delle instabili alleanze parlamentari. Chiediamo che tutti i gruppi parlamentari della nascente legislatura convergano su una riforma costituzionale in questo senso. Avere un governo stabile è prioritario rispetto al fatto che governi questo o quel partito. La riforma costituzionale proposta da Renzi era un timido e confuso mezzo passo, mentre ne occorre uno intero. Dalla nascita della Costituzione nel 1948 ad oggi, con una Repubblica Presidenziale avremmo avuto 14 governi, invece ne abbiamo avuti 64, sempre instabili, affannati a mettere toppe nelle falle e senza la capacità di esprimere progetti sul lungo periodo. Per essere seria una riforma in questo senso dovrà anche contenere dei solidi principi riguardo al conflitto di interessi. Modello francese, modello Stati Uniti, o altro? Tutto da definire. Certo non modello Russia. Questo appello è iniziativa di un privato cittadino.

SE SEI D'ACCORDO FIRMA E DIFFONDI PIÙ CHE PUOI QUESTA PETIZIONE



Oggi: Giuseppe conta su di te

Giuseppe Tissi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidenti del Senato e della Camera: Repubblica Presidenziale per la governabilità.". Unisciti con Giuseppe ed 79 sostenitori più oggi.