PETIZIONE CHIUSA

Mai più Rigopiano, Vajont, STOP Edilizia selvaggia a rischio Idrogeologico in Italia

Questa petizione aveva 195 sostenitori


E' così evidente che in Italia si costruisce dove non si dovrebbe, in siti sismici e idrogeologicamente ad alto rischio, che potrebbe sembrare quasi inutile ricordarlo.

Storie di edifici pubblici e privati e grandi opere, persino Ospedali costruiti in siti ad alto rischio di frane o smottamenti rischiano tuttavia di essere dimenticate, grazie magari ad opere "compensatorie" che oltre a far lievitare i costi non hanno azzerato il rischio.

Recente è lo sgomento e il dolore per le vittime dell'Hotel Rigopiano, ma potremmo ricordare la frana di Posatora ad Ancona, che si portò a valle un intero Ospedale. Oppure le "paludi" dove sono stati costruiti ad esempio il nuovo Ospedale di Bergamo e quello di Cona a Ferrara.

Ebbene, nonostante queste tristi evidenze, costruzioni in sedi ad elevato rischio sismico e idrogeologico continuano tranquillamente ad essere proposte e approvate in Italia. 

E' obbligo morale delle più alte cariche dello Stato impedire che ciò possa continuare ad accadere, con una legge chiara ed inoppugnabile. Ed è dovere dei giornalisti e uomini di cultura sensibilizzare chi di dovere, ma anche l'opinione pubblica e gli addetti ai lavori su questo gravissimo problema italiano.

 



Oggi: Paolo conta su di te

Paolo Lippe ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidente Sergio Mattarella: Mai più Rigopiano, Vajont. STOP Edilizia selvaggia a rischio Sismo-Idrogeologico in Italia". Unisciti con Paolo ed 194 sostenitori più oggi.