TERRA BENE COMUNE: UNA FIRMA PER UN CIBO SANO E UN’AGRICOLTURA CONTADINA

TERRA BENE COMUNE: UNA FIRMA PER UN CIBO SANO E UN’AGRICOLTURA CONTADINA

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.

federica pierotti
federica pierotti ha firmato questa petizione

Il diritto a nutrirsi con cibi sani ed eticamente sostenibili è da annoverare tra i diritti fondamentali dell’uomo.

Le attuali  emergenze di natura ambientale, sanitaria, sociale ed economica, rendono necessario il superamento di quelle logiche che guardano all'agricoltura come mero strumento  di “produzione di merci”. Per queste ragioni la RETE GAS (Gruppi di Acquisto Solidale) MARCHE sostiene una Agricoltura Contadina rispettosa dell'ambiente, delle comunità locali, del lavoro giusto e del diritto di avere un cibo sano.

Vi invitiamo a leggere il documento “Terra Bene Comune: un’agricoltura su piccola scala” e a sottoscrivere questa petizione. L’obiettivo è raccogliere un numero importante di firme da inviare alla Regione Marche affinché  approvi una legge per riconoscere e tutelare la Piccola Agricoltura Contadina.

Firma e invita i tuoi amici a farlo.   Grazie.

Per informazioni: retegasmarche@gmail.com

I primi GAS firmatari di Terra Bene Comune: GAS Fano, GAS Catria e Nerone, Gruppo GAS Alto Metauro, GAS Montimar, GAS Gassosa, GAS La Fenice, GAS di Montagna, GAS San Lorenzo in Campo, GAS Tre Castelli, GAS Pergola, GAS Gasper, GAS Val d’Apsa, GAS Comunità Nuovo Mondo, GAS Monserra, GAS Gastigo, GasPaccio, GAS Riviera Picena, GAS Pesaro, GAS Jesi, GAS Muracce, GAS CamburanGas, Associazione Lupus in Fabula

Guarda il video: Terra Bene Comune: un’Agricoltura su piccola scala

TERRA BENE COMUNE: UN’AGRICOLTURA SU PICCOLA SCALA

Consapevoli che

- l’agricoltura, settore primario e sostanziale per la vita di tutti, non può essere considerata come mera produzione di “merci” perché l’atto del nutrirsi bene è la base della nostra salute,

- la terra è un “bene comune” da custodire e preservare per la sopravvivenza delle generazioni future,

Noi, con forza, vogliamo,

- prenderci cura del nostro ambiente, sostenendo un’agricoltura su piccola scala, un’agricoltura “residente”, resiliente e che presidi e salvaguardi il nostro territorio;

- un’agricoltura che “risparmi” e tuteli le riserve idriche e naturali;

- un’agricoltura diversificata che mantenga la biodiversità e preservi la bellezza del paesaggio;

- un’agricoltura consapevole dei cambiamenti climatici in atto, in grado di sviluppare misure di mitigazione e di adattamento;

- un’agricoltura che non utilizzi pesticidi chimici di sintesi, che segua i principi dell’agricoltura biologica e, più in generale, dell’agroecologia;

- un’agricoltura familiare, comunitaria che crei legami e socialità, tramandi tradizioni e saperi;

- allevamenti sostenibili che tengano conto anche del benessere animale;

- un cibo sano di cui si conosce e “frequenta” il luogo di produzione e che porti con sé, quale valore aggiunto, un solido rapporto di fiducia tra l’agricoltore e le persone a cui è destinato;

- un’agricoltura che prediliga la vendita diretta e in ambito locale;

- produzioni che restituiscano dignità all’agricoltura anche tramite un prezzo equo che tenga conto della qualità delle lavorazioni, del lavoro e dei diritti dell’agricoltore;

- un'agricoltura normativamente semplificata, particolarmente adattabile alla montagna e alle zone svantaggiate, che crei opportunità di lavoro e “benvivere” locale.

Ad un’agricoltura su piccola scala deve corrispondere una burocrazia di piccola scala, perciò la sburocratizzazione e le semplificazioni normative diventano una necessità per la produzione, trasformazione e vendita dei prodotti.

Per questo chiediamo l’adozione di una legge specifica.

Art. 44 – Costituzione Italiana

"Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata fissa limiti alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unità produttive; aiuta la piccola e la media proprietà. La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane."