Grazie, Presidente Conte!

Grazie, Presidente Conte!

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Natalina Raffaelli ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidente prof. avv. Giuseppe Conte

                       

         Carissimo Presidente Conte,

La ringrazio per averci dato l’illusione, purtroppo effimera, che l’Italia potesse ritrovare una sua dignità e porsi davanti al mondo come un paese democratico e proiettato verso un futuro di stabilità, di uguaglianza sociale ed economica, rispettosa finalmente del dettato costituzionale che impegna la Repubblica ai doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Gli Italiani non dimenticheranno mai il Suo impegno, la Sua abnegazione, la Sua onestà, la Sua dirittura morale, la Sua indipendenza e il Suo personale disinteresse nella gestione della difficile fase di pandemia che ha devastato il nostro paese.

L’abbiamo visto battersi con passione e determinazione  per ottenere per l’Italietta sempre derisa in Europa gli aiuti economici più consistenti che siano mai stati concessi dall’UE; L’abbiamo visto soffrire e commuoversi per le vittime della pandemia; L’abbiamo sentito vicino, quale presenza rassicurante, una certezza su cui fare affidamento e il Suo nome resterà, glorioso, nella storia d’Italia, come il migliore e più amato Presidente del Consiglio di tutti i tempi.

Illusione effimera, dicevo, perché la sciagurata “iniziativa” del Presidente Mattarella ha dimostrato che l’Italia è purtroppo rimasta il “paese di Pulcinella”, il paese inaffidabile dei corrotti e dei corruttori, di  quelli che ridevano mentre L’Aquila veniva distrutta, di quelli che hanno omesso la sorveglianza e la manutenzione del Ponte Morandi a Genova, di quelli della strage di Viareggio e di quelli che la fanno franca grazie alla prescrizione, lasciando le vittime e i loro familiari a piangere in solitaria disperazione; il paese incapace di legalità e di etica; dei furbi a danno degli onesti: l’odore dei soldi ha scatenato gli appetiti degli avvoltoi, degli sciacalli e delle iene pronte ad avventarsi con avidità e truculenza sulla torta da spartire.

Il mio rispetto profondo verso le Istituzioni della Repubblica, non mi esime tuttavia e, anzi, mi impone di criticare aspramente l’”iniziativa” del Presidente Mattarella, che, travalicando le sue prerogative costituzionali e mortificando il Parlamento sovrano, perché unica e diretta espressione del popolo, ha inteso ignorare le indicazioni date dalla maggior parte delle forze politiche e dalla società civile e, sebbene fosse emersa l’impossibilità di raggiungere una solida maggioranza parlamentare, ha imposto un “suo”  candidato al governo e ha invitato pubblicamente senatori e deputati ad appoggiarlo, per impedire il ritorno alle urne, dando così avvio al lauto banchetto.

E alla luce dei più elementari principi di trasparenza istituzionale vorrei chiedere al Presidente Mattarella di spiegare agli Italiani perché sono state disattese le indicazioni dategli dalle forze politiche che rappresentavano solida maggioranza parlamentare alla Camera dei Deputati e maggioranza relativa e quasi assoluta al Senato, per obbedire al ricatto di un partitello che rappresenta a stento il 2% degli Italiani e  tentare di imporre un governo raccogliticcio, inevitabilmente privo di qualsiasi visione politica e di futuro: solo per i soldi? 

A Lei, carissimo Presidente Conte, che ha saputo risvegliare l’orgoglio di essere italiano, vada la riconoscenza degli Italiani onesti, i quali sono certa che condivideranno le mie parole, ben consapevoli che, a differenza dei tanti altri, Lei ha svolto il Suo mandato con onore, coraggio, disciplina, eleganza, dignità e lealtà,a testa alta.

                 Con affetto

                                                             

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!