TUTELA IDONEI INFANZIA E PRIMARIA 2016

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Il concorso 2016, meglio conosciuto come “concorsone” passerà alla storia come uno dei concorsi più difficile, ma anche per il concorso con meno assunti nel centro – sud, giacché le graduatorie scorrono a rilento. Questo concorso ha creato la categoria degli idonei che se non sono al più presto tutelati, pur avendo superato un concorso molto selettivo non saranno mai assunti; poiché con varie sanatorie si stanno tutelando molteplici categorie, che con prove non selettive saranno immessi in graduatorie permanenti, creando cosi una situazione di discriminazione e di trattamento iniquo rispetto a coloro che hanno sostenuto e superato procedure concorsuali selettive, che sono stati immessi in graduatorie a scadenza breve. Gli idonei infanzia e primaria 2016 chiedono una tutela e una risoluzione che premi il merito e difenda la meritocrazia, una soluzione come fu trovata per gli idonei 1999 o idonei 2012.

Gli idonei infanzia e primaria chiedono l’assunzione di tutti non uno in meno, vogliono che le loro graduatorie siano ad esaurimento, sperano che la soluzione per loro sia vicina, non è più tempo di attendere, e  se non è possibile smaltire in tempi brevi le graduatorie in regione si cerchino altre soluzioni. Non vogliono recare danno a nessuno, chiedono  solo una possibilità in più per poter avere un ruolo per cui hanno tanto studiato e affrontato moltissimi sacrifici.

Per risolvere la problematica “Idonei 2016 “andrebbe fatto un censimento per verificare quanti candidati idonei ” effettivamente ” ci sono per ogni classe di concorso in ogni regione. Se un candidato ha superato le prove concorsuali in 2-3 classi di concorso e si è classificato tra gli idonei dovrebbe essere conteggiato una sola volta, facendo questa scrematura , si potrebbe capire l’ effettivo numero dei candidati idonei che attendono in graduatoria per l’assunzione. La graduatoria potrebbe essere esaurita nella regione in cui si è fatto il concorso. Si potrebbe bandire un censimento, una verifica da parte del Miur e dei vari Usr di quanti candidati siano idonei . Poniamo un esempio se X è vincitore per primaria ma idoneo ad infanzia, è probabile che sceglierà primaria, quindi l’ idoneità di X non va’ conteggiata. Pertanto un censimento andrebbe fatto anche per ” ripulire ” le graduatorie da chi è stato immesso in ruolo nelle due tornate precedenti . Date la possibilità su base volontaria di essere assunto in un’altra regione mediante un piano straordinario di assunzioni in regioni con posti disponibili.