Pretendiamo l'immediato ricollocamento dei migranti dal Governo Italiano

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Tutelare la dignità delle persone è la base della convivenza civile.

In base alla Decisione del Consiglio dell’Unione Europea del 29.09.2016 che si può leggere in questo collegamento: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/HTML/?uri=CELEX:32016D1754&from=EN

L’Unione Europea deve garantire il ricollocamento dei migranti che giungono in Italia distribuendoli dignitosamente ed equamente tra i vari Stati dell’Unione.

Sulla base dell’art. 78 paragrafo 3 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea il Consiglio Europeo ha adottato due decisioni: la n. 1601/2015 e la 1523/2015 che prevedono che 160.000 migranti richiedenti asilo da Grecia e Italia debbano immediatamente essere ricollocati.

Il Governo Italiano in carica è responsabile perché non ha preteso l’attuazione giudiziaria di tali decisioni da parte dell’Unione Europea, quindi, per tale inadempienza deve risarcire, a ciascun cittadino che lo chieda, il danno subito per tale inerzia.

Ciascuna delle persone che ricopre pro tempore le cariche cui è indirizzata questa petizione deve rispondere personalmente di tale inadempienza, se non verrà adita la Corte Europea immediatamente per l’adempimento di tali suddette decisioni.

Infatti, il Governo Italiano si è limitato a una generica protesta nei confronti degli organi dell’Unione ma l’unico modo di ottenere l’attuazione delle decisioni sopraindicate, in assenza di adempimento spontaneo, è ricorrere alla Corte di Giustizia Europea contro gli organi della UE inadempienti e in carenza, secondo la normativa dei Trattati UE vigente: nello specifico, la Commissione Europea stessa che non ha agito per l’adempimento delle decisioni del Consiglio deve essere convenuta davanti alla Corte di Giustizia dallo Stato Italiano, a pena di violazione della normativa europea da parte dello stato membro.

Con la firma di questa petizione mettiamo subito in mora tutte le Autorità italiane ad agire davanti alla Corte di Giustizia Europea per ottenere l’attuazione delle decisioni sul ricollocamento e la tutela dei trattati e dei cittadini italiani e dei migranti.

Ogni persona, cittadino o migrante, che subirà lesioni alla propria dignità umana, o maltrattamenti in Italia per effetto della mancata applicazione delle suddette decisioni da oggi potrà ricorrere contro il Governo Italiano inerte per mancata attuazione del diritto Europeo.



Oggi: Francesco conta su di te

Francesco Scifo ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidente della Repubblica Italiana : Pretendiamo l'immediato ricollocamento dei migranti dal Governo Italiano". Unisciti con Francesco ed 247 sostenitori più oggi.