BASTA RINVIARE AD OLTRANZA, LA GIUSTIZIA NON PUO' ASPETTARE.

Vittoria

BASTA RINVIARE AD OLTRANZA, LA GIUSTIZIA NON PUO' ASPETTARE.

Questa petizione ha creato un cambiamento con 101 sostenitori!
ORGANIZZAZIONE SINDACALE AVVOCATI GENOVA ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI GENOVA, DOTT. ENRICO SILVESTRO RAVERA (UFFICIO DEL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI GENOVA) e a

Mi rivolgo a voi in qualità di portavoce dell'Organizzazione Sindacale Avvocati di Genova.

Questa petizione ha lo scopo di denunciare la indecorosa condizione che i Colleghi del Foro genovese, (ma il discorso potrebbe essere allargato a tutta Italia), sono costretti a sopportare a causa dei decreti emanati dal Governo nel tentativo (rivelatosi vano) di far fronte alla situazione epidemiologica in atto: il decreto 18 del 17 marzo 2020 e successive integrazioni hanno previsto il rinvio dei procedimenti non urgenti fino a giugno 2020, ma nella prassi anche nei mesi successivi e sino ai giorni nostri assistiamo a rinvii di oltre sei mesi, spiegabili solo con la preoccupazione per il contagio o con la scarsezza delle aule disponibili.

Per quanto concerne in particolare il Foro di Genova, poi, è stata dichiarata l'inagibilità di svariate aule del suddetto Palazzo di Giustizia ritenute inidonee dalla Asl 3 e dal Provveditorato alle opere pubbliche, con conseguente dislocazione delle udienze in vari uffici sparsi per la città di Genova, vedasi strutture di via del Seminario, Albergo dei Poveri.

Il risultato di tutto ciò è il costante rinvio d'ufficio delle udienze e le poche che ci sono, vengono dislocate in varie parti della città, con estremo disagio dei Colleghi.

Viene da chiedersi quali oscuri motivi abbiano impedito agli organi competenti (Ministero della Giustizia e Responsabili degli Uffici giudiziari in primis), a quasi un anno dall’inizio dell’emerganza, di implementare il sistema di udienza da remoto (Via Skype o Teams, ad esempio) e di mettere in sicurezza gli uffici preposti all’amministrazione della Giustizia.

Allo stesso modo, ma ancor più inspiegabilmente, vengono rinviate le sentenze. Tutto ciò è lesivo prima di tutto dei diritti dei cittadini.

Ciò inoltre ha gravissime ripercussioni economiche sugli Avvocati e su tantissime altre attività economiche, già messe in ginocchio dalla situazione attuale.

Questa situazione è diventata insostenibile e non può più essere accettata, soprattutto considerando che la situazione emergenziale potrebbe protrarsi nel tempo.

E' necessario agire con interventi immediati ed investimenti concreti per la messa in sicurezza di Palazzo di Giustizia e dell’ufficio del Giudice di Pace di Genova, nonché per potenziare gli strumenti telematici per la trattazione delle udienze da remoto, utilizzati in maniera ancora troppo frammentaria al contrario di ciò che accade in altri Paesi europei.

Del resto gli investimenti eseguiti adesso, gioverebbero al sistema giustizia anche in futuro,indipendentemente dall'epidemia in atto.

Alla luce di quanto espresso O.S.A. propone di implementare le udienze da remoto (Teams, Skype) ove ci sia l'accordo tra le parti e, laddove non vi sia l'accordo, utilizzare la trattazione scritta in Tribunale nell'ambito civilistico e nell'ambito giuslavoristico, nell'ottica di liberare risorse aule e spazi anche per il penale. Anche per le udienze di competenza del Giudice di Pace proponiamo di potenziare l'uso di piattaforme come Skype, ovviamente con il consenso delle parti.

Inoltre O.S.A. chiede immediati interventi da attuarsi in via di urgenza per l’adeguamento di Palazzo di Giustizia e degli uffici del G.D.P. al Protocollo di sicurezza di ASL 3 Genovese.

I rimedi ci sono, usiamoli.

Per una giustizia più veloce.

Chiediamo un intervento immediato, non più prorogabile.

Grazie per la Vs attenzione.

Certi di un Vs riscontro.

Distinti saluti.

Organizzazione Sindacale Avvocati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vittoria

Questa petizione ha creato un cambiamento con 101 sostenitori!

Condividi questa petizione