Appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: #TroviamoAldoeAntonio

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, 

Gentile Presidente Sergio Mattarella,
mi rivolgo a Lei a titolo personale perchè la Comunità che ispira questo messaggio è incontenibile e correrei il rischio di dimenticare qualcuno. Le scrivo di Aldo Revello e Antonio Voinea, i due cittadini italiani, dei quali non si hanno più notizie dal 2 maggio scorso, dispersi nell'Oceano Atlantico per ragioni sconosciute, forse una grave avaria al "Bright", la loro barca, (che escluderei per la riconosciuta professionalità dei due velisti), o per la collisione contro 'qualcosa' di affiorante, invisibile all'occhio e alla strumentazione (cosa che credo più probabile). Lei è il Presidente di tutti i cittadini italiani, anche il Presidente di Aldo e Antonio, che procedure protocolli e regolamenti disumani impediscono di cercare senza sosta nelle acque dell'Oceano come sarebbe ragionevole, solidale e soprattutto doveroso. Non Le scrivo di Aldo e Antonio in quanto amici o appartenenti alla meravigliosa Comunità della gente di mare, Le scrivo perchè intendo ribadire alla Sua attenzione il principio fondamentale e irrinunciabile di portare aiuto a chi ne ha bisogno, a quanti si trovino in uno stato di pericolo senza la possibilità di comunicare e di poter risolvere da soli l'emergenza nella quale sono precipitati. Nessuno a oggi può affermare cosa sia accaduto alla barca e ai due velisti, allo stesso modo nessuno può affermare che Aldo e Antonio non siano vivi, magari malmessi ma vivi e che abbiano assoluto bisogno di essere salvati. Ci sono due famiglie, amici, migliaia di marinai italiani e di mezzo mondo che vivono questi giorni e queste ore con angoscia e dolore, ma anche con stupore e indignazione per lo 'stop' alle ricerche decretato dalle autorità portoghesi e italiane in nome di "protocolli". Presidente Mattarella gli uomini e le donne di mare sono persone rispettose delle leggi, di tutte le leggi, dentro e fuori il mare, ma non possono accettare che "protocolli" disumani impediscano di salvare Aldo e Antonio. Il peso insostenibile della scomparsa dei due velisti oggi grava soltanto sulle spalle delle famiglie e della Comunità che si è stretta intorno a loro, ma servono i mezzi per le ricerche e che queste siano ordinate senza sosta. Come senza sosta famiglie e Comunità vivono nella certezza di poter riabbracciare Aldo e Antonio. Perchè, gentile Presidente, Aldo e Antonio sono ancora lì, in mezzo all'Oceano, da soli, stremati, ma vivi. La mia certezza è sostenuta dalla consapevolezza che nessuno può affermare il contrario. La prego Signor Presidente di prendere un'iniziativa perchè le autorità competenti (che leggono questo messaggio per conoscenza) tornino a cercare Aldo e Antonio fino a trovarli e riportarli alle famiglie. Mi rifiuto di credere che esistano "protocolli" o procedure che impediscano di correre in aiuto a chi ne ha vitale necessità. E chi oggi ha più bisogno di aiuto di Aldo e Antonio? Io ho bisogno del Suo aiuto, Presidente, e mi permetto di sottolineare che l'aiuto, il soccorso, sia da subito, senza perdere ore preziose. La ringrazio Presidente Mattarella per l'attenzione e sono sicuro che farà suo l'hashtag #TroviamoAldoeAntonio - [Roberto di Nunzio] 

Roma, 16 maggio 2018



Oggi: Roberto conta su di te

Roberto di Nunzio ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidente della Repubblica: Appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: #TroviamoAldoeAntonio". Unisciti con Roberto ed 1.597 sostenitori più oggi.