Diciamo STOP alla mistificazione e alle "fake news" sul Web. SÌ al ddl Gambaro.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


I blogs, i forum, i social media e i siti "non espressione di giornalismo online" che diffondono disinformazione e che incitano alla discriminazione razziale, etnica, sociale e religiosa con notizie mistificate o false sono pericolosi perché possono creare allarmismi, influenzare le persone, minare l'ordine pubblico e, nel peggiore dei casi, spingere le persone a compiere azioni illecite.

Internet è un grandissimo e utile mezzo che ha sì ampliato i confini della nostra libertà dandoci la possibilità di esprimerci su scala mondiale ma la libertà di espressione non può trasformarsi semplicemente in un sinonimo di totale mancanza di controllo e rispetto degli altri, perché il detto "la libertà di ciascuno finisce laddove inizia la libertà dell'altro" non vale solo nel mondo reale ma deve giustamente valere anche nel mondo virtuale.

Nel mondo reale chi diffonde notizie diffamatorie viene punito dalla Legge. Ciò è giusto che avviene anche per chi, nel mondo virtuale di Internet, crea blogs o social media atti a discriminare categorie di persone, diffondere notizie mistificate e false, influenzare le persone. Molto spesso (anzi quasi sempre) dietro le "fake news" (in gergo le "bufale") ci sono persone (non giornalisti ma comuni cittadini) che lucrano, guadagnano soldi dal "clickbaiting" e, cosa squallida, lo fanno "giocando" sulla pelle di altre persone: quelle colpite dalle loro campagne di "odio" e quelle che cadono nel "tranello" delle notizie false.

 

Io penso che sia giusto porre un rimedio, un maggiore controllo dei flussi di notizie sul Web. Naturalmente ciò vale SOLO per tutti i siti e le pagine NON registrate come giornalismo online. Perché il giornalismo online è già soggetto a responsabilità di Legge come lo è il giornalismo cartaceo.



Oggi: Luca conta su di te

Luca Proto ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidente del Senato della Repubblica: Diciamo STOP alla mistificazione e alle "fake news" sul Web. SÌ al ddl Gambaro.". Unisciti con Luca ed 16 sostenitori più oggi.