Vittoria confermata
Diretta a Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti ed a(d) 7 altri

Ricerca è lavoro! Indennità di disoccupazione per i precari della ricerca

16.356
sostenitori

Signor Presidente, Signori Ministri,

Noi ricercatori precari, assegnisti di ricerca e dottorandi, ci rivolgiamo al Governo per chiedere il rispetto della nostra dignità di lavoratori, dei nostri diritti, della nostra passione.

Da anni intere generazioni di ricercatori sono vittime delle scelte più scellerate della politica. Il blocco delle assunzioni di ricercatori ha determinato il ricorso sempre più frequente a contratti precari, a basso costo e con scarse tutele. La riforma Gelmini ha generato un’Università povera e ineguale, dove le opportunità si concentrano in poche aree del Paese, mentre intere regioni vengono abbandonate al proprio destino. Pochissimo si è fatto sul fronte della valorizzazione della ricerca nel sistema imprenditoriale e produttivo italiano. In altre parole, i tagli alla ricerca sono diventati tagli al futuro del nostro Paese.

Il reddito dei ricercatori precari è basso, in alcuni casi addirittura al di sotto del minimale retributivo previsto per la Gestione Separata,  come certifica anche l’INPS. A dispetto di questo, in questi anni il Governo ha scientemente escluso i precari della ricerca da ogni ammortizzatore sociale e da ogni misura di sostegno al reddito, rifiutando di ascoltare i ricercatori che, uniti nella campagna nazionale #perchénoino?, hanno raccolto nel 2015 oltre 10.000 firme per l’estensione della misura a tutti i precari della ricerca. Eppure anche noi versiamo i contributi alla Gestione Separata INPS. Eppure anche la ricerca è lavoro.

Quello che vi chiediamo è davvero molto semplice: rispettate le vostre promesse e rispettate il nostro lavoro. Chiediamo che il Governo confermi l'impegno del Ministro Poletti e faccia in modo che nel DDL in discussione alla Camera, e in questi giorni all’esame della Commissione Lavoro, sia inclusa una misura strutturale, facilmente accessibile, in grado di garantire l’indennità di disoccupazione anche a tutti coloro che sono stati finora esclusi ingiustamente, come i precari della ricerca.

Chiediamo il diritto all’indennità di disoccupazione perché vogliamo veder riconosciuto il nostro lavoro come tale; perché non intendiamo più accettare discriminazioni tra lavoratori; perché crediamo che tutti i lavoratori abbiano diritto a tutele fondamentali a prescindere dal contratto e dal settore in cui operano.

Chiediamo al Governo  di riconoscere a tutti noi la dignità del nostro lavoro, chiediamo di garantire una continuità di reddito ai ricercatori precari.

Quale che sia il nostro futuro, nessuno di noi è disposto ad aspettare ancora per vedere riconosciuti i propri diritti.

La ricerca è lavoro!

 

Dottorandi, assegnisti e ricercatori precari di

  • ADI
  • FLC-CGIL
Questa petizione è stata notificata a:
  • Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali
    Giuliano Poletti
  • Ministero dell'Economia e delle Finanze
    Pietro Carlo Padoan
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
    Paolo Gentiloni
  • Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
    Valeria Fedeli
  • Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni
  • Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti
  • Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan
  • Ministro dell'istruzione, dell'Università e della ricerca Valeria Fedeli


Ricerca è Lavoro ha lanciato questa petizione con solo una firma e ha vinto con il aiuto di 16.356 sostenitori. Lancia la tua propria petizione per creare il cambiamento cui ti preoccupi.




Oggi: Ricerca è conta su di te

Ricerca è Lavoro ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni: Ricerca è lavoro! Indennità di disoccupazione per i precari della ricerca". Unisciti con Ricerca è ed 16.355 sostenitori più oggi.