PROLUNGATA VIOLAZIONE DEI DIRITTI PERSONALI E COSTITUZIONALI DEL POPOLO ITALIANO

PROLUNGATA VIOLAZIONE DEI DIRITTI PERSONALI E COSTITUZIONALI DEL POPOLO ITALIANO

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
ASSOCIAZIONE I DIRITTI DI GINEVRA ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte

PROLUNGATA VIOLAZIONE DEI DIRITTI PERSONALI E COSTITUZIONALI DEL POPOLO ITALIANO E DEI BAMBINI
 

     In seguito alla dichiarata pandemia per Covid-19, dal 9 marzo il Governo ha imposto norme restrittive per la liberta’ di movimento e relazioni sociali a fini di prevenzione e diffusione dal contagio di tale infezione.

Nei giorni a seguire altri DPCM hanno inasprito le regole  sino ad arrivare al blocco totale di intere categorie e settori lavorativi, delle attivita’ scolastiche, fino al divieto, sanzionato penalmente prima ed amministrativamente poi, di poter uscire da casa se non per comprovati e giustificati motivi dimostrabili con autocertificazione da esibire alle Autorita’ di Polizia.

A questo si e’ arrivati per una insana, ingiustificabile, incompetente ma soprattutto tardiva gestione dell’emergenza da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Ministro della Sanita’ e loro collaboratori.

Catastrofica la serie di scelte e decisioni sbagliate e fuori luogo, come anche tutta una serie di dichiarazioni palesemente mendaci e prive di qualunque fondamento!!!

Uno degli aspetti piu’ tragici di tutto il “sistema delle chiusure” lo stanno vivendo sulla loro pelle i nostri figli: la chiusura delle scuole.

Di per se’, sarebbe potuta non essere una emergenza nell’emergenza, se la situazione fosse stata gestita in maniera adeguata senza incertezze nella temporalita’ delle scadenze(vedere continui allungamento delle date senza volersi assumere la decisione di dare UNA data certa) ma di studio interfacciandosi con i propri docenti su delle piattaforme fruibili prima e funzionali poi.

Tutto questo gia’ di per se’ lede il diritto  allo studio ed il principio di eguaglianza di tutti gli studenti in quanto presuppone che tutti siano in grado di poter accedere alla Rete con connessioni ad elevata capacita’ di trasmissione, essendo in possesso di supporti hardware atti a tali scopi e in ultimo ma non ultimo,  di avere le conoscenze informatiche tecniche per gestire tale situazioni.

Tutto questo ravvisa gravi violazioni del singolo bambino/studente in quanto discriminanti e selettive.

Senza poi tralasciare un altro aspetto importante che riguarda la vita di tutti quei bambini, figli di genitori separati che per tutta la durata dell isolamento sono e saranno costretti a non poter condividere neanche un secondo delle loro giornate con “l’altro “ genitore.

Detto questo, possiamo ben comprendere come la fascia piu’ debole della popolazione, i bambini per l appunto, sia quella che paga il prezzo piu’ alto: no scuola, no giochi all’ aperto, no rapporti sociali, no nonni e nei casi in cui lavorano no mamma e no papa’.

Si aggiunga a tutto cio’ la violazione  nella sua quasi interezza  della “CONVENZIONE SUI DIRITTI DEI BAMBINI DI GINEVRA”, ratificata dallo Stato Italiano in data 05-09-1991 ed entrata in vigore sul territorio Nazionale esattamente un mese dopo.

Aggiungiamo inoltre come anche alcuni Diritti Costituzionali sono stati e continuano ad essere violati dal Governo attuale a scapito del Popolo Italiano, nello specifico: artt. 1, 3, 4, 9, 28, 38; violazioni che in maniera diretta e/o indiretta vanno ad appesantire lo status di bambino in questo particolare momento della storia della nostra Italia.

 

L’ Associazione  ” I DIRITTI DI GINEVRA” che si batte per il riconoscimento e la tutela dei diritti dei bambini combattendo ogni forma di discriminazione dovuta alle piu’ disparate ragioni o motivazioni, vuole con questa petizione, portare all’attenzione di quanti piu’ cittadini possibile e, in seconda battuta, ai nostri Governanti, del grave disagio che le norme restrittive emanate dal Presidente Conte e suoi collaboratori hanno e stanno provocando nella vita di milioni di bambini Italiani, acuendo diversita’ sociali e di cultura e costringendo tantissimi figli innocenti a dover vivere sulla propria pelle conflitti familiari che, data la coercitiva vicinanza prolungata nel tempo, spesso degenerano in atti di pura violenza a cui assistere come meri spettatori.

L’Associazione “I DIRITTI DI GINEVRA” chiede con la presente petizione al Consiglio dei Ministri che il Presidente di detto organismo, PUBBLICAMENTE ED IN MANIERA UFFICIALE FORMULI DELLE SCUSE PER I DISAGI SUBITI DA TUTTI I BAMBINI ITALIANI e, sulla scorta delle esperienze catastrofiche fatte nella gestione didattica scolastica on line, metta a punto nel piu’ breve tempo possibile un sistema efficace e funzionale per permettere ad ogni studente di poter recuperare il tempo oramai passato durate la quarantena per covid-19.

Si chiede inoltre che VENGA ISTITUITO UN FONDO SPECIALE CHE PERMETTA FORNIRE A TUTTI GLI STUDENTI I SUPPORTI TECNOLOGICI HARDWARE ATTI ALLO STUDIO DA REMOTO.

 

Certi di aver evidenziato problematiche che sono a cuore di tutti, cittadini e governanti, ci aspettiamo una pronta e fattiva risposta.

 

VIVA L’ITALIA

IO STO’ CON I BAMBINI

                                                                                  Ass. I DIRITTI DI GINEVRA

                                                                                  La Presidente A.N.Ferocino

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!