Bloccare l’apertura della sede di Forza Nuova a Treviso.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Al Prefetto di Treviso

Le chiediamo di non consentire l’apertura a Treviso della sede di Forza Nuova, prevista per sabato 30 marzo.
Forza Nuova è la stessa organizzazione che nei giorni scorsi, nella nostra città, ha affisso dei vergognosi manifesti contro il docente “reo” di ospitare a casa propria dei giovani richiedenti asilo e non è certo il primo caso in cui quel movimento si caratterizza per posizioni discriminatorie e xenofobe.
Nel volantino che annuncia l’apertura della sede Forza Nuova attacca con termini spregiativi l’interruzione di gravidanza a cui le donne possono fare ricorso sulla base di una legge della Repubblica.
Nella nostra città nei giorni scorsi sono stati affissi manifesti inneggianti al centenario della costituzione dei “fasci di combattimento”.
Non riteniamo ulteriormente tollerabili le sempre più frequenti scorribande neofasciste nella nostra città!
Non è necessario che Le ricordiamo che la Costituzione vieta di ricostituire il partito fascista e che il Codice Penale sancisce all’art 604 bis: “È vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”.
Siamo certi che prenderà in considerazione il nostro appello che muove dalla Costituzione e dalle leggi dello Stato italiano oltre che dalla netta contrarietà di tanti trevigiani ai rigurgiti neofascisti e neonazisti.



Oggi: Luigi conta su di te

Luigi Calesso ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Prefetto di Treviso: Bloccare l’apertura della sede di Forza Nuova a Treviso.". Unisciti con Luigi ed 835 sostenitori più oggi.