Riaperture pre Covid ufficio postale Cartoceto

Riaperture pre Covid ufficio postale Cartoceto

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!

Comune Cartoceto ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Poste Italiane

UFFICIO POSTALE DI CARTOCETO CAPOLUOGO: SI TORNI IMMEDIATAMENTE AGLI ORARI PRE-COVID, NE VA DELLA SALUTE DEI CITTADINI.

Il servizio postale in quanto universale deve essere sempre garantito”. E’ questo il fondamento su cui il Consiglio di Stato si è basato per dirimere alcune controversie in tema di chiusura e riduzione degli orari di apertura negli uffici postali nei piccoli comuni.

Tanto più in una situazione di emergenza sanitaria nazionale come quella che si sta vivendo, nella quale occorre contemperare l’esigenza di tutela della salute pubblica, con la piena garanzia di continuità del servizio.

L’ufficio postale del Capoluogo di Cartoceto ha già fatto, in questi anni, “la sua parte”, subendo un processo di razionalizzazione per effetto del quale, in modo strutturale e permanente, i giorni di apertura settimanali sono passati da sei e tre.

Il centro storico di Cartoceto, questo splendido borgo medioevale arroccato sulla collina, è abitato prevalentemente da cittadini anziani per i quali i servizi dell’ufficio diventano essenziali anche alla luce dell’impossibilità di raggiungere, soprattutto nei mesi invernali, il presidio situato nella Frazione di Lucrezia.

D’altro canto, nel capoluogo risulta assente anche qualsiasi altro strumento alternativo, quale ad esempio un ATM Postamat, che potrebbe assicurare una costante funzionalità di alcuni servizi durante l’arco settimanale, prescindendo dai giorni e orari di apertura dell’ufficio.

La situazione creatasi in questi ultimi mesi è particolarmente critica e, per certi versi, paradossale.

La decisione di ridurre ad una sola giornata l’apertura dell’ufficio di Cartoceto sta di fatto incrementando la possibilità di assembramento e creando rischi per la salute degli utenti, spesso costretti ad attendere il proprio turno all’esterno, senza alcun riparo dalle intemperie metereologiche.

L’Amministrazione Comunale di Cartoceto, ha attentamente ed in modo solerte affrontato il problema interessando direttamente sin da subito il Direttore di filiale e la Direzione centrale di Poste Italiane, nella sezione dedicata ai piccoli comuni. Anche il Consiglio Comunale di Cartoceto, si è occupato della questione, approvando una mozione all’unanimità.

Parimenti ha fatto Anci Marche, anche su impulso del Sindaco di Cartoceto, Enrico Rossi, componente del Consiglio direttivo regionale dell’Associazione, interessando della questione dapprima la Direzione Centro Italia, e a seguire Anci Nazionale, a fronte della mancata risoluzione delle comuni problematiche che stanno caratterizzando tanti borghi marchigiani e migliaia di altre comunità in Italia.

Le relazioni istituzionali tra il Comune di Cartoceto e Poste Italiane in questi anni sono sempre state buone. Lo dimostrano i servizi di cui l’Ente locale a tutt’oggi si avvale (conti correnti postali, stampa e bollettazione servizio illuminazione votiva, bollettini servizi a domanda individuale, invio raccomandate per accertamenti tributari).

Ora però, soprattutto in questa situazione di emergenza sanitaria, serve un’azione concreta e un deciso passo in avanti da parte di Poste Italiane.

L’ufficio postale è anche un luogo di fondamentale importanza per la solidità del tessuto sociale. L’Ufficio postale è un luogo controllato, dove i protocolli antiCovid sono rigidamente ed opportunamente applicati, così come Poste Italiane ha avuto modo di rimarcare nei riscontri alle interlocuzioni in essere.

E’ quanto mai dunque necessario supportare l’impegno istituzionale in corso, che troverà il suo prossimo passaggio nel tavolo operativo regionale, già insediatosi in passato per altre problematiche inerenti il servizio postale territoriale.

Una petizione popolare che dia ascolto alle esigenze di una comunità, già disorientata e indebolita dalla pandemia.

  1. Tornare immediatamente alle tre giornate di apertura settimanali.
  2. Avvio di un percorso insieme all’Amministrazione Comunale per l’installazione di un ATM Postamat.

FIRMA!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!