Perché il lavoro di portalettere diventi un lavoro considerato "usurante"

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Il lavoro di portalettere é un lavoro USURANTE. Non è semplicemente portare una letterina. È caricare su motorini e minicar carichi di posta impensabili, andare in giro a piedi con kili di posta su di un solo braccio, su giri che richiederebbero non una ma almeno 2 o più persone, sotto al sole, pioggia freddo, lanciati a mille nel traffico con mezzi a volte inappropriati e nella peggiore delle ipotesi a piedi o in bus, il lavoro di portalettere sta diventando sempre più pesante per via del carico e delle mansioni che vanno ad aumentare continuamente, senza tenere conto della a volte avanzata età delle dipendenti, esposte a carichi sempre maggiori e psicologicamente impegnativi per un unico individuo, da svolgere contemporaneamente. Se si arriva alla pensione nell'80% dei casi si va con forti problemi alle ossa, ai tendini usurati ed alle articolazioni, senza che nessuno possa permettersi di farsi riconoscere dagli enti preposti il pregresso USURANTE del lavoro svolto per anni e senza avere la possibilità di curarsi o vivere una vecchiaia fisicamente dignitosa ai pari di ogni altro lavoro già considerato USURANTE e percio' tutelato. È ora di far sì che questo lavoro pesante e appesantito da chi ne è a capo, sia dichiarato USURANTE come è giusto che sia, prima di firmare parla con una qualsiasi portalettere lei ti convincerà di tutto questo.

 



Oggi: luisiano conta su di te

luisiano fiore ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Poste italiane: Perché il lavoro di portalettere diventi un lavoro considerato "usurante"". Unisciti con luisiano ed 58 sostenitori più oggi.