PETIZIONE CHIUSA

No, signora... NO! Signorina, prego.

Questa petizione aveva 5 sostenitori


Le giovini di tutta Italia son ormai esauste della svolta linguistica che da qualche anno a questa parte ha preso piede nelle nostre contrade, piazze, uffici, negozi.

Esser chiamate "signora" piuttosto che "signorina" non é piú una questione esclusivamente burocratico-legale. No, é qualcosa che va ad affondare le sue radici nella cultura insita di un paese che per tradizione tendeva a preservare le sue fanciulle da un crudele impatto con la realtà adulta.

Abbiamo 15, 20, 30 anni. Esser chiamate "signora" a prescindere dallo stato civile, come da buona parità dei sessi é prescritto, lede alla nostra autostima con ripercussioni anche gravi sull'umore. Emicrania, stress, ansia, collera possono essere evitati con piccoli accorgimenti. Unitevi per un mondo piú sereno.

Tu, che mi vendi la frutta al mercato, chiamami signora che io passo all'altra bancarella e/o ti sbraito contro: "signora a tua madre". 

Volete davvero avere a che fare con delle ragazze inviperite? Io, penso di NO. L'e-commerce non ci sta niente a sostituirvi.

RESTITUITECI IL SIGNORINA.



Oggi: Katia conta su di te

Katia Fasulo ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Popolo d'Italia: No, signora... NO! Signorina, prego.". Unisciti con Katia ed 4 sostenitori più oggi.