La Udine che vogliamo

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


“[..] perché solo dei poeti ormai, solo della gente che lascia il cuore volare, che lascia libera la propria fantasia senza la pesantezza del quotidiano, è capace di pensare diversamente. Ed è questo di cui avremmo bisogno oggi: pensare diversamente.” (Tiziano Terzani)

Ci sono voluti vent’anni per trasformare l’immagine di Udine da “città delle caserme” in “città della cultura, e della conoscenza”.

Udine, grazie all’impegno qualificato e diffuso delle amministrazioni, degli enti, delle associazioni, dei suoi abitanti è diventata un osservatorio sui cambiamenti del mondo, un piccolo-grande laboratorio di idee e di contenuti, in una prospettiva di assoluto respiro che ha sempre cercato di favorire il confronto tra opinioni differenti e far crescere la consapevolezza dei cittadini di tutte le età e provenienze.

Udine ha una vivacità culturale e civile rara: l’Università, i vari Festival, le stagioni teatrali e musicali di primo piano, il Palio teatrale studentesco, un'Accademia di teatro, una dinamica Biblioteca, i musei pubblici e privati che conservano e divulgano la conoscenza di un patrimonio artistico di pregio, una rete unica di librerie, un sistema di scuole vivace e stimolante, le tantissime altre manifestazioni che hanno contribuito ad aumentare la ricchezza e le occasioni di riflessione di tantissime persone, udinesi e non.

--> Siamo fortemente preoccupati che tutto questo vada disperso e che la città inizi a impoverirsi da un punto di vista culturale, a favore di iniziative valutabili solo per il numero delle presenze.

--> Non vogliamo che Udine rinunci al proprio ruolo di luogo di stimolo, di arricchimento, di originalità, perché questo è un vanto da rilanciare non da affossare.

--> Vogliamo continuare a scommettere su una città della cultura e della conoscenza, aperta ed internazionale, unitamente alla sua rete associativa, composta da insegnanti, studenti, librerie, professionisti, cittadini che la rendono bella, stimolante.

Vogliamo Udine:

1.     Creativa e innovativa
2.     Curiosa
3.     Inclusiva, a partire dai più deboli
4.     Competente, perché ragiona usando le progettualità e i progetti
5.     Internazionale e capace di dialogare con gli Altri
6.     Che vola alto
7.     Che ascolta e che informa i cittadini
8.     Lungimirante, perché guarda lontano e al futuro
9.     Coinvolgente ed entusiasmante
10.   Che coltiva una memoria viva, non nostalgica

Una Udine di cui continuare ad andare fieri.

Per questo, Ti chiediamo di firmare e condividere questo appello.