No ai sacchetti per la frutta e verdura a pagamento

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Chiediamo al governo che cambi il provvedimento riguardante il DL mezzogiorno  articolo 9-bis dell'agosto 2017 rimettendo i sacchetti di plastica per la frutta e verdura gratuiti. http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/08/12/17A05735/sg

Il provvedimento di legge segue la direttiva europea del 2015/720 che prevede l'abbandono dei sacchetti di plastica per introdurre i sacchetti con o senza manico biodegradabili all'interno dei servizi di trasporto sia aziendali sia commerciali degli alimenti. La riforma perciò prevede l'uso di sacchetti biodegradabili obbligatori sia nel reparto frutta e verdura sia nel reparto macelleria. La riforma è un buon tentativo di ridurre l'impatto ambientale anche se poco utile poiché la maggior parte del cosidetto inquinamento atmosferico da CO2 deriva dall'uso industriale di materiali idrocarburici. Facendo una rassegna della riforma si prevede perciò un contenuto massimo di polimeri pari a circa il 10% in quanto non esiste un materiale naturale o comunque biodegradabile che è al 100% biodegradabile, infatti il materiale più resistente  epiù usato per produrre i sacchetti è il cosiddetto materbi che si può ritrovare nei più costosi sacchetti per l'umido in circolazione. Da un primo occhio la riforma non sembra prevedere problemi per un consumatore medio ma tra gli emendamenti si nascondono tre tranelli ovvero:

1. I sacchetti vengono comprati e "regalati" dallo stato e ceduti ai singoli commercianti che lo devono usare per i trasporti dei sevizi alimentari. Considerando che i sacchetti "regalati" ai cittadini presenti già nella riforma del 2006 riguardo all'umido sono prodotti con prcentuali talmente ridotte di materiali polimerici tanto che reggono pochi grammi di alimenti da renderli quasi inutili. Il rischio perciò è che questi sacchetti previsti non reggano nemmeno al peso di una mela tanto più di una spesa varia e grossa. 

" dd-octies) commercializzazione di borse di platica: fornitura di
borse di plastica a pagamento o a titolo gratuito da parte dei
produttori e dei distributori, nonche' da parte dei commercianti nei
punti vendita di merci o prodotti."

2. I sacchetti perciò vengono ceduti gratuitamente al commerciante, il quale può scegliere liberamente se lasciarli gratuiti oppure metterli a pagamento. Il prezzo previsto per ogni sacchetto di materiale biodegradabile è compreso fra i 2 ed i 10 centesimi. Questa manovra è stata proposta con l'obbiettivo pur corretto di ridurre ridurre il consumo di plastica, finiranno col gravare ancor di più sulle tasche dei consumatori.Infatti considerando già un aumento dei prezzi degli alimenti dovuta all'inflazione ed alla crisi, lo stato con l'idea di "salvare" l'ambiente fa la cresta sui consumatori e cerca di aumentare il costo della spesa di 1 o 2 euro o forse più. Queste spese contribuiscono a ridurre i debiti della guardia di finanza.

"Le borse di plastica di cui al comma 1 non possono essere
distribuite a titolo gratuito e a tal fine il prezzo di vendita per
singola unita' deve risultare dallo scontrino o fattura d'acquisto
delle merci o dei prodotti trasportati per il loro tramite."

3. La riforma prevede multe salate per i commercianti che non usano sacchetti di plastica per il trasporto dei cibi e per coloro che non lo inseriscono nello scontrino pari a " 2.500 a 25.000 euro."

Per concludere vorrei rifarmi alla nostra amata e tanta vituperata, nei tempi odierni, Costituzione, la quale dice: " E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.".  Aumentando i costi della spesa degli Italiani si riducono le possibilità di spesa dei cittadini che già fanno fatica ad arrivare a fine mese.

http://www.informazionefiscale.it/tassa-sulla-spesa-sacchetti-frutta-verdura-pagamento-biodegradabili-2018

https://www.lavoroediritti.com/fisco-tasse/tassa-sulla-spesa-sacchetti-frutta-e-verdura-a-pagamento

http://www.repubblica.it/ambiente/2017/10/06/news/sacchetti_compostabili_per_alimenti_sfusi_sono_d_accordo_6_italiani_su_10-177544460/

https://youtu.be/vhuNyrAD3r8



Oggi: michele conta su di te

michele germinetti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Pietro Carlo Padoan: No ai sacchetti per la frutta e verdura a pagamento". Unisciti con michele ed 265 sostenitori più oggi.