No alla centrale a turbo gas a La Spezia !!!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Enel "Togliere ipotesi centrale a turbogas e riaprire a futuro ecosostenibile"
 
L'amministrazione ha lasciato morire un percorso – il tavolo tecnico che aveva l'obiettivo di inserire La Spezia dentro Futur-E, consentendo la chiusura della centrale entro il 2021 e la riconversione delle aree nel campo della ricerca e dello sviluppo di energia pulita, anche per garantire continuità occupazionale.
Cosi Enel ne ha approfittato, rilanciando con il progetto di una centrale a turbogas. Ma si badi bene, non lo ha fatto al buio.
E questo lo hanno confermato anche i sindacati che abbiamo ascoltato, praticamente dicendoci, tra le righe, di non stupirsi della soluzione che l'azienda ha offerto oggi, perchè questa è anche conseguenza della discussione del Consiglio Comunale di Ottobre 2018, dove Maggioranza e Sindaco hanno votato un impegno preciso per l'Amministrazione: quello di valutare l'ipotesi della presenza di Enel proprio con una nuova centrale a turbogas.
La città della Spezia continua a non essere inserita tra i siti di interesse strategici per la produzione. Questo perchè appunto era veramente prevista la dismissione della vecchia struttura entro il 2021.
Ma con quel documento si è aperto allo scenario peggiore: quello di un futuro ipotecato nuovamente dalla ciminiera.
I sindacati dicono che Enel deve ancora scoprire le carte, ma lo ha già fatto. Maggioranza e Sindaco le hanno dato la chanche di giocare la partita al tavolo, ora da una posizione di forza, perchè si presenta con il pacchetto pronto che le è stato chiesto. E' inutile che Peracchini dica che non ha poteri. Semmai ne avesse anche avuti, se ne è espropriato da solo, a causa del documento che si è votato.
Nonostante ciò, credo non sia ancora tutto perduto, occorre però togliere l'ipotesi della centrale a turbogas e riaprire alla possibilità, per questa città, ad ambire ad un futuro piu ecosostenibile e salutare, come si era previsto all'inizio.
L'amministrazione può e deve scegliere.
Ma deve anche levarsi dalla città una voce chiara. Non pensiamo di avere molto tempo. Un progetto è stato presentato ed è ora incanalato in precise tempistiche di valutazione e, semmai, approvazione.

I cittadini della Spezia devono far sentire la loro voce, tutti uniti, contro la centrale a turbogas.