Salviamo l'anfiteatro di via Porlezza!

abbiamo bisogno di spazi progettati per la comunità e la socialità, che ci permettano di immaginare una società più unita e fondata sulla condivisione di risorse e spazi; la distruzione di un anfiteatro per la costruzione di uno spazio anonimo e fatto di poche panchine, non fa che riproporre modalità divisive, individualiste e sicuramente non cambia la causa del degrado che viene chiamato in causa come motivazione della rigenerazione: il degrado si annulla con la cura. La cura dei beni comuni e di noi. La cura che dovrebbe esserci anche nella cosiddetta progettazione "partecipata", che qui sembra partecipata solo da chi mette i soldi. Io non ci sto.

Paola Galassi, Milano, Italy
9 months ago
Shared on Facebook
Tweet