Ecco i punti per un Governo M5S + PD +LeU

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Le sottoscritte cittadine e i sottoscritti cittadini, liberi firmatari di quest’appello, esprimono viva preoccupazione per l’ipotesi di un governo guidato da una forza estremista come la Lega, che rischia di costituire una minaccia per il rispetto dei diritti civili e per l’attuazione dei principi costituzionali di unità, solidarietà sociale, accoglienza e asilo, uguaglianza e non discriminazione.
Le sottoscritte cittadine e i sottoscritti cittadini, liberi firmatari di quest’appello, riconoscono altresì che il Movimento 5 Stelle risulta essere con largo margine la prima forza politica del paese, avendo raggiunto il consenso di quasi 1/3 degli italiani. Tale ragguardevole soglia di consenso è stata raggiunta anche incarnando alcuni temi classici dell’area progressista, come la questione morale e la questione ambientale e dello sviluppo sostenibile, e intercettando le esigenze e le istanze di cambiamento del meridione, dei giovani, dei disoccupati, dei precari, degli insegnanti, degli impiegati, del ceto medio impoverito e del ceto medio basso. Questo “popolo” ha votato Movimento 5 Stelle e ha bocciato ogni tentativo di riproporre il classico centrosinistra.
Per queste ragioni, le cittadine sottoscrittrici e i cittadini sottoscrittori della presente petizione
CHIEDONO
a tutte le forze politiche progressiste, che si rivedono nei principi e nei valori enunciati dalla Costituzione italiana, uno sforzo di responsabilità repubblicana per offrire al Movimento 5 Stelle il sostegno sufficiente ad un governo di scopo finalizzato all’approvazione di almeno alcuni tra i seguenti provvedimenti tratti testualmente dal programma del Movimento 5 Stelle e di chiara impronta progressista:
1) Reddito di cittadinanza (o reddito minimo garantito);
2) Aumento del finanziamento alla scuola e all’Università pubblica, assunzione dei precari della scuola e dell’Università, Aumento borse di studio e di ricerca; Potenziamento e aumento finanziamenti per dottorati e centri di ricerca;
3) Maggiori investimenti nel settore dei beni culturali, anagrafe organica dei beni culturali materiali e immateriali in stato di abbandono, iniziative di recupero e destinazione dei beni culturali nel quadro di una lotta al consumo di suolo, favorendo “processo dal basso” di individuazione e rigenerazione dei beni in disuso;
4) Riduzione e razionalizzazione della spesa militare, «stop» totale alla vendita di armi ai Paesi in conflitto, superamento del regolamento di Dublino a favore di nuovo sistema di accoglienza in cui le responsabilità e gli oneri siano condivisi equamente tra tutti gli Stati Membri e in cui si tenga effettivamente conto dei bisogni, della situazione familiare, delle competenze dei richiedenti asilo e di tutti gli elementi che agevolino l’inclusione sociale e ampliare la tutela dei diritti inviolabili dei soggetti vulnerabili (minori, in particolar modo quelli non accompagnati, gli anziani, le donne, vittime di tortura, stupri o altre forme gravi di violenza psicologica, fisica o sessuale) per garantire loro la dovuta assistenza, la predisposizione di progetti educativi e d’integrazione sociale;
5) Ripristino art.18, salario minimo, 2 miliardi investimenti, riduzione orario di lavoro;
6) Progressività fiscale, semplificazione fiscale, trasparenza e partecipazione nei processi tributari, tutela processuali in materia fiscale, contrasto all’evasione fiscale internazionale e ai paradisi fiscali, con particolare attenzione all’elusione/evasione delle società multinazionali;
7) Sviluppo economico incentrato sull’economia circolare, commercio equo e rispetto ambientale, introduzioni di indicatori alternativi al PIL, intervento statale in economia e spese in deficit, con superamento del fiscal compact;
8) Eliminazione ticket sui farmaci, politiche su disabilità e non autosufficienza, conciliazione dei tempi di lavoro con tempi per la famiglia, parità di genere e politiche anti-violenza;
9) Politiche di innalzamento della tutela ambientale, abbandono progressivo del petrolio, no inceneritori, acqua pubblica partecipata e trasparente, consumo di suolo zero e diritto alla casa;
10) Legge anti-corruzione e anti-riciclaggio, tutela dei whistleblower, riforma della prescrizione, depenalizzazione reato di ingresso e soggiorno illegale in Italia, legalizzazione della Cannabis.
Se non ora, quando?

Di seguito i primi 100 firmatari, in ordine alfabetico:
Massimiliano Andreotti (Lodi Vecchio);  Salvatore Benintende (Leonforte); Angelo Bonfiglio (Bronte); Maria Rosaria Buonocore (Marsala); Mirella Buttitta (Palermo); 
Cesare Innocenzo Calandrino (Palermo); Pablo Castellano (Palermo); Antonio Calogero Cerniglia (San Giuseppe Jato); Antonino Davide Ciringione (Palermo); Matteo Ciringione (Palermo); Rosario Conoscenti (Palermo); Giancarlo Conoscenti (Bologna); Alessio Costa (Palermo); Renato Costa (Palermo); Cristina Cuccurin (Trieste); Roberta D'Agostino (Contessa Entellina); Luigi D'Alessandro (Bagheria); Gabriele D'Arpa (Palermo); Angela Davì (Carini); Alessandro De Lorenzo (Palermo); Benedetta Mirella Demma (Palermo); 
Marco Di Mari (Palermo); Arturo Di Maria (Carini); Cecilia Dolcemascolo (Palermo); 
Gianluca Domeniconi (Marzano); Serena Dominici (Ferrara); Federico Dominici (Palermo); Marcello Dominici (Ferrara); Maurizio Falletta (Ribera); Carmelo Faranda (Bronte); Giovanni Ferrara (Carini); Cristina Gagliano (Borgetto); Filomena Galifi (Palermo); Carlo Gambino (Monreale); Maria Gatto (Bronte); Gabriele Gennuso (Palermo); Gabriele Giangiuli (Palermo); Giulia Grasso (Palermo); Nicola Grieco (Lissone); Paolo Guttuso (Palermo); Provvidenza La Torre (Palermo); Luca Lecardane (Bagheria); Dario Levantino (Monza); Fabrizio Li Vigni (Parigi); Fulvio Licata (Palermo); Giulia Licata (Palermo); Fulvia Lo Cicero (Palermo); Chiara Lombardo (Palermo); Elisabetta Longhitano (Bronte); Fabrizio Lucchesi (Firenze); Francesco Lupo (San Giovanni Gemini); Nunzio Marino (Palermo); Gianluca Mavaro (Palermo); Carmelina Meli (Palermo); Marco Mendola (Palermo); Luigi Merlini (Lodi Vecchio); Romano Milletarí (Palermo); Giancarlo Mortellaro (Palermo); Giuseppe Mosca (Palermo); Gabriele Nicolosi (Vaprio d'Adda);
Federico Nicolosi (Bronte); Ornella Palazzolo (Palermo); Francesco Pannone (Caserta); Francesca Passalacqua (Palermo); Disma Patorno (Palermo); Francesco Perconti (Palermo); Ivana Pipi (Ribera); Stefano Prelli (Trieste); Maurizio Prelli (Trieste); Vincenza Proto (Maletto); Silvia Putzulu (Cagliari); Teresa Randazzo (Palermo); Giuliana Rando (Palermo); Sergio Riccobono (Palermo); Rita Riccobono (Palermo); Gaetano Riccobono (Palermo); Giovanni Luca Romano (Trieste); William Russo (Sant'Angelo Lodigiano); Gaetano Saeli (Trabia); Pietro Nicola Salemi (Palermo); Paulo Salemi (Terrasini); Santa Sanfilippo (Palermo); Luisa Sangregorio (Bronte); Filippo Scimone (Messina); Pierangela Scimone (Palermo); Giuseppe Sgroi (Palermo); Veronica Sinagra (Bagnolo Cremasco); Rosa Siragusa (Palermo); Virginia Spagnolo (Palermo); Fabio Sussinna (Bronte); Ruggero Tantulli (Venezia); Francicleide Tavares da Silva (Palermo); Rosalba Travaglianti (Bronte); Andrea Uccellatore (Bronte); Sebastiano Valenza (Palermo); Valerio Stefano Varisco (Baucina); Federico Venturella (Monreale); Gaetano Vicinzino (Bronte); Marianna Viola (Palermo); Federico Viola (Palermo); Pietro Zanatta (Palermo); Giovanni Zappala (Bronte); Stefania Zappalà (Bronte);
Silvana Verdichizzi (Trieste).



Oggi: Pietro Nicola conta su di te

Pietro Nicola Salemi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Per un Governo M5S + PD + LeU: ecco i punti". Unisciti con Pietro Nicola ed 192 sostenitori più oggi.