Per la tutela della salute di tutto il personale medico, sanitario, tecnico e ausiliario e

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


In questa fase inedita della storia della repubblica italiana la salute e sicurezza del personale medico, sanitario e tecnico impegnato in prima linea non è più solo ed esclusivamente un inalienabile diritto individuale ma assurge a necessità sistemica: poter operare nell’interesse della collettività evitando che i luoghi di cura possano diventare luoghi di propagazione del virus!

Chiediamo

- la modifica dell’art. 7 D.L. 14/2020:L'art. 7 del decreto abolisce la quarantena per il personale sanitario impegnato nelle attività assistenziali in assenza di sintomi conclamati o di positività accertata. Riteniamo questa sospensione pericolosa per la salute individuale, familiare e collettiva perché il personale che ha avuto contatti stretti con pazienti positivi senza aver avuto modo di indossare i necessari dispositivi, andrà a lavorare, in assenza di sintomi, senza che si sappia se ha contratto o meno il virus.

- che tutto il personale medico, sanitario e tecnico in ambito sanitario e sociosanitario pubblico e privato sia dotato degli opportuni Presidi di Protezione Individuale. Ancora troppe le situazioni di carenza e/o di inidoneità dei DPI (mascherine, camici, visiere, copricapo ecc), le cronache di questi giorni hanno evidenziato anche in ambito sociosanitario il rischio generato dalla scarsa protezione dei lavoratori determinando contagi tra operatori e pazienti

- il costante monitoraggio del personale coinvolto sottoponendolo periodicamente al tampone. Come già messo in pratica in altre Regioni occorre praticare un costante controllo sugli operatori dando loro e al sistema la certezza di operare in sicurezza, potendo intervenire immediatamente in caso di esito positivo del tampone

Chiediamo sostegno a tutti gli operatori coinvolti nel sistema sanitario, socio sanitario pubblico e privato ma sopratutto chiediamo il sostegno di tutti i cittadini: Curarci di loro per curarci tutti

Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl Marche: Matteo Pintucci, Luca Talevi, Paolo Possanzini