Vittoria confermata
Diretta a Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale ed ad 1 altro/a

Per la riapertura del bunker di Villa Torlonia

1.153
sostenitori

Sono passati 200 giorni dalla chiusura al pubblico - avvenuta agli inizi dello scorso novembre - del circuito di visita al bunker e ai rifugi antiaerei di Villa Torlonia (Roma). Eppure il Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali, dott. Claudio Parisi Presicce, aveva assicurato pubblicamente la rapida definizione di un nuovo bando di gara ("entro poche settimane"), in modo da poter far partire la nuova gestione dall'inizio del 2017.

Purtroppo di questo bando non c'è alcuna notizia. Nel frattempo si sta vanificando e disperdendo tutto il prezioso lavoro che era stato curato dall'Associazione Centro Ricerche Speleo Archeologiche-Sotterranei di Roma per la valorizzazione culturale e il lancio turistico di questo importante sito di memoria bellica. Un lavoro di recupero, documentazione e divulgazione che aveva suscitato grande attenzione, portando nei sotterranei di Villa Torlonia oltre 12 mila visitatori e 2.500 studenti in due anni.

Il trascorrere del tempo e l'assenza di manutenzione e cura, rischiano inoltre di provocare un pesante danneggiamento dei delicati restauri che erano stati compiuti sulle antiche dotazioni tecnologiche presenti nelle strutture antiaereo (in particolare i sistemi antigas e le porte blindate). Ciò costituirebbe davvero un imperdonabile e inaccettabile sperpero di denaro pubblico.

Le firmatarie e i firmatari della presente petizione denunciano l'inspiegabile e insensato stop burocratico ad un'esperienza inedita di sinergia tra pubblico e privato culturale che pure aveva dato ottimi frutti e lustro alla città, segnalano il preoccupante stato di abbandono di questo originale sito di memoria storica di valenza nazionale e chiedono che si proceda subito ad una nuova gara che porti in tempi rapidissimi alla riapertura al pubblico del bunker e dei rifugi antiaerei di Villa Torlonia (Roma).

-----

For reopening Villa Torlonia's bunker

It's been 200 days from the closing to the public of the bunker and air-raid shelters of Villa Torlonia (Roma). The Sovrintendente Capitolino, Dr. Claudio Parisi Presicce, had publicly assured the rapid definition of a new management notice, for re-open bunker since the beginning of 2017. Unfortunately there is no news.

In the meantime we risk losing all the work that had been curated by the CRSA-Sotterranei di Roma for cultural and tourist enhancement of this important war memory's site. A work of recovery and documentation that had aroused great attention, bringing in the underground of Villa Torlonia over 12,000 visitors and 2,500 students in two years.

The passage of time and the lack of maintenance, also risk heavy damage for the delicate work of restoration that had been made on the ancient technological equipment present in the air-raid shelters (particularly the antigas systems and the blast doors). This really would be an unacceptable waste of public money.

Signatories of this petition denounce the senseless bureaucratic stop to this original experience who had brought prestige to Rome, report the alarming state of disrepair of this important site of memory and ask to the Municipality of Rome the immediately preparation of a new contract to the reopening to public of bunker and air-raid shelters of Villa Torlonia.

Questa petizione è stata notificata a:
  • Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale
  • Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali


    CRSA-Sotterranei di Roma ha lanciato questa petizione con solo una firma e ha vinto con il aiuto di 1.153 sostenitori. Lancia la tua propria petizione per creare il cambiamento cui ti preoccupi.




    Oggi: CRSA-Sotterranei di Roma conta su di te

    CRSA-Sotterranei di Roma ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Per la riapertura del bunker di Villa Torlonia". Unisciti con CRSA-Sotterranei di Roma ed 1.152 sostenitori più oggi.