Petition update

Motivazioni e obiettivi - il perché della petizione

Vittorio Balestrieri
Naples, Italy

Jul 18, 2019 — 

Cari firmatari... 

Insomma, l'obiettivo della nostra petizione è mettere in discussione la carta docente e le mance-merito, e chiedere l'assegnazione in busta paga e a tutti i lavoratori della scuola dei fondi ora attribuiti attraverso la Carta del Docente, onde allargare la base di fruizione di tali benefits.
Firmando la petizione si chiede altresì di assegnare i fondi in maniera permanente ai lavoratori del comparto scuola, scongiurando così una probabile prossima cancellazione della Carta a seguito della discutibile fruizione per acquisto di materiali non sempre attinenti ad una vera formazione.
Ne sono una conferma le notizie date dai telegiornali nazionali che riportano la sottoscrizione di un protocollo tra ministero e GDF contro acquisti di beni neanche riportati tra quelli acquistabili.
La petizione ha alimentato la discussione, come evidenziato da varie pubblicazioni sulle pagine dei siti afferenti al mondo della scuola, a testimoniare un'attenzione già presente tra le OO.SS e nel ministero.
La proposta, infatti, da tempo sostenuta dalle OoSs, trova banco per lo più in area governativa (proprio per la differente tassazione) e quindi la petizione sta trovando finalmente interessate le stesse OoSs, i cui rappresentanti però al momento tacciono in merito per il solo timore di alienarsi gli interessi dei lavoratori scolastici dipendenti, notoriamente conservatori e timorosi appunto di perdere benefits senza possibilità di recupero.
Quindi ecco il vero obiettivo della petizione: non perdere il fondo, allargandone la base dei fruitori a tutti. Essa è dovuta infatti all'evolversi di normativa e sentenze, che purtroppo rimettono in gioco, ovvero in circuitazione economica, liquidità altrimenti bloccate su specifici prodotti e per pochi eletti, e finora escludenti tanti ovvero appunto precari, Ata e educatori.
La petizione serve a sollecitare e richiedere aumenti degni di un paese civile. Chi non firma, semplicemente ancora non ha chiaro che se non spingiamo tutti a favore della petizione, il fondo presto sparirà per tutti, e alla fine non ci sarà più alcun bonus per nessuno. 

Per il gruppo nazionale Facebook del Personale Educativo, 

GLI AMMINISTRATORI, coautori della petizione :

Vittorio Balestrieri RSU GILDA CONVITTO NAZ. NAPOLI,
Salvatore Cosentino RSU UIL EDUCANDATO FIRENZE,
Giacomo Corbisiero CONVITTO ANNESSO I.T.A.S. "Tosi" Codogno (LO),
Antonio D'Auria RSU SGB CONVITTO NAZ. PRATO,
Paolo Di Iorio CONVITTO ANNESSO Ipssar E. Mattei Vieste (FG),
Maddalena Lo Fiego TA COBAS CONVITTO ANNESSO IPSAAABI De Franceschi-Pacinotti PISTOIA,
Duilio Paradiso referente CUB Torino settore convitti, CONVITTO NAZ. TORINO,
Luca Paradiso RSU CGIL CONVITTO NAZ. ROMA,
Lavinia Stornaiuolo CONVITTO NAZ. PARMA,
Silvio Viglione RSU SGB CONVITTO NAZ. CORREGGIO,
Nicola Zito CONVITTO NAZ. TORINO

NB : pertanto vi chiediamo e vi raccomandiamo di insistere ancora, e poi ancora, e poi nuovamente, con ulteriori inoltri, inviti, condivisioni del link e degli hashtag della petizione a TUTTI I CONTATTI e non solo a colleghi, e a farla sottoscrivere e diffondere via mail, oppure via Facebook, Messenger, WhatsApp e restanti social.

https://www.change.org/p/marco-bussetti-carta-docente-usata-per-i-tablet-altro-che-formazione-aumento-degli-stipendi-per-tutti

#piustipendiopertutti #stipendipiualtipertutti #stipendiadeguati #tuttoinbustapaga #meglioinbustapaga #nobonus
#Stopbonus


Keep fighting for people power!

Politicians and rich CEOs shouldn't make all the decisions. Today we ask you to help keep Change.org free and independent. Our job as a public benefit company is to help petitions like this one fight back and get heard. If everyone who saw this chipped in monthly we'd secure Change.org's future today. Help us hold the powerful to account. Can you spare a minute to become a member today?

I'll power Change with $5 monthlyPayment method

Discussion

Please enter a comment.

We were unable to post your comment. Please try again.