Appello per il potenziamento del Disegno e della Storia dell’Arte nelle scuole

Appello per il potenziamento del Disegno e della Storia dell’Arte nelle scuole

Lanciata
3 marzo 2021
Petizione diretta a
Patrizio Bianchi (Ministro dell'Istruzione)
Firme: 41Prossimo obiettivo: 50
Sostieni ora

Perché questa petizione è importante

Lanciata da Francesco Abodi

L’arte è, senza dubbio, elemento centrale del patrimonio culturale della nostra Nazione, citata e tutelata dall’articolo 9 della Costituzione.

Contando il più alto numero di monumenti al mondo (più di 500.000) e oltre 400 siti archeologici, l’Italia affonda le proprie radici nella cultura artistica, orgoglio e vanto del nostro Paese.

Indispensabile strumento per una crescita consapevole degli studenti, funge da vero e proprio elemento unificatore fra le varie discipline, oltre ad essere propedeutica, insieme al disegno, per la maggior parte delle facoltà universitarie, dall’archeologia all’ingegneria.

Eppure la Storia dell’Arte e il Disegno hanno sempre occupato un ruolo marginale all’interno del sistema scolastico italiano, nonostante sia evidente la centralità di queste materie nella formazione di validi studenti e cittadini.

Citando l’art. 9, la tutela del nostro immenso patrimonio è imprescindibile dall’educazione alla cultura artistica, e la sua applicazione può avvenire soltanto accompagnando le nuove generazioni a comprendere appieno e a prendersi cura di uno degli angoli più belli del nostro pianeta.

Noi chiediamo con urgenza al Ministro Bianchi, quindi, di aumentare le ore di insegnamento delle materie afferenti alle classi di concorso A-17 e A-54 nei Licei, passando da 66 ore all’anno ad almeno 99, e di ripristinare il Disegno e la Storia dell’Arte negli Istituti Tecnici per migliorare la qualità del sistema scolastico.

Facciamo sentire la nostra voce, sensibilizziamo chi ci sta intorno!

Ogni firma, ogni condivisione è un’occasione per rivoluzionare finalmente tutto!

Sostieni ora
Firme: 41Prossimo obiettivo: 50
Sostieni ora

Decisori

  • Patrizio BianchiMinistro dell'Istruzione