Sì alle multe per le multinazionali che delocalizzano fuggendo dall'Italia

Sì alle multe per le multinazionali che delocalizzano fuggendo dall'Italia

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Quando arriverà a2.500 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere presa in considerazione dai media e dai giornali locali!

Leonardo Cecchi ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Parlamento Italiano

Da parte di un pezzo della politica, sta prendendo piede un'idea molto sensata: multe alle multinazionali che delocalizzando fuggendo dall'Italia, lasciando dietro di loro centinaia, migliaia di famiglie rovinate. Se ne parla da tempo ma dopo i casi di Campi Bisenzio e Whirlpool di Napoli la discussione è tornata a farsi molto seria. 

Il principio dietro a questa idea è sacrosanto. Perché non solo multandoti lo Stato cerca di riprendersi quanto ti ha dato attraverso il denaro dei contribuenti, ma tampona gli effetti devastanti che vengono lasciati dietro di loro. E fa inoltre passare un principio di civiltà: la brutalità in nome del profitto non può passare impunita. Servono deterrenti che proteggano la controparte più fragile, i lavoratori. 

La strada giusta è questa. Quella che riafferma i valori imprescindibili per ogni tipo di crescita economica: quelli del rispetto della vita altrui, del lavoro altrui e del futuro altrui. Tutte cose che non si possono mettere in discussione in nome di un profitto maggiore. 

Per questo serve sostenerla tutti quanti assieme con questa petizione. Perché più siamo e più le daremo forza, facendo vedere ai decisori che siamo in tanti a chiedere giustizia. Più siamo e più faremo passare il concetto che davvero conta: uno sviluppo economico basato sulla rovina altrui non è vero sviluppo. E' solo l'arricchimento di alcuni a danno di altri. 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Quando arriverà a2.500 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere presa in considerazione dai media e dai giornali locali!