NO ALLO SVILIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


NO ALLO SVILIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Spiacevole dono natalizio sotto l'albero di Natale da parte del Governo.
Modificata la legge 42/99, stabilendo una deroga per l'iscrizione agli ordini anche da parte dei professionisti senza titoli che abbiano lavorato, nell'arco di 10 anni, almeno per 36 mesi.

In pratica CON-DONO NATALIZIO.

Nell'emendamento appena approvato dal Senato viene in pratica allargata la possibilità di accedere a determinate attività professionali.

È sufficiente aver praticato professioni sanitarie senza il possesso di un titolo abilitante per l'iscrizione all'albo professionale, per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni. Sarà sufficiente avere questo requisito purché ci si iscriva, entro il 31 dicembre 2019, in appositi elenchi speciali ad esaurimento (da costituire entro 60 giorni con decreto del ministero della Salute) e istituiti presso gli Ordini dei sanitari.

Noi di Farmacia Politica riteniamo questo provvedimento un notevole passo indietro nell'ottica di un Paese che ha l'obiettivo di essere moderno e meritocratico e che punta ad aver elevati standard di qualità nella professionalità, la cura e l'assistenza dei pazienti.
Ci impegniamo nel monitorare con preoccupazione la situazione, facendo rete con tutte le Associazioni che in queste ore si sono già negativamente espresse e tutti gli studenti e operatori sanitari avviliti da questo emendamento.

( Pagina Facebook Farmacia Politica: https://www.facebook.com/Farmacia-Politica-1735703803310544/ )