Lo sfregio permanente al volto non è una lesione: è l'omicidio dell'identità.

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Deturpare una donna con l'acido o con il fuoco, sfregiandone il viso, non è come provocarle una semplice lesione, ma è come ucciderla, cancellandone il suo io, la sua identità.  Un volto deturpato per sempre, da un ex che non accetta la fine di una relazione, ha il valore di una morte civile .

Per questo, con questa petizione chiedo di votare il DDL che prevede di aggiungere al codice penale un nuovo reato : L'omicidio d'identità.

Un nuovo reato che starebbe a metà strada tra le lesioni personali e l'omicidio.

Il disegno di legge, che prevede l'Introduzione nel codice penale degli articoli 577-bis, 577-ter e 577-quater  colma una lacuna normativa.

Perché si ritiene che sia necessario un nuovo reato?

Gli attacchi con l’acido o con il fuoco hanno riempito le pagine di cronaca degli ultimi anni:

Tuttavia, non esistendo il reato specifico di omicidio di identità,  il Pubblico Ministero in alcuni di questi casi ha ritenuto di perseguire il colpevole configurando il reato di lesioni gravissime. In altri casi ha ritenuto di configurare il reato di tentato omicidio.

Non è ammissibile che situazioni uguali che hanno determinato la cancellazione del volto e quindi dell’identità di una persona vengano trattate diversamente perché manca il reato specifico, lasciando così il tutto alla scelta del Pubblico Ministero.

Avv. Antonio Maria La Scala, Presidente nazionale di Penelope Italia Onlus.



Oggi: Penelope Italia Onlus conta su di te

Penelope Italia Onlus ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Parlamento italiano: Lo sfregio permanente al volto non è una lesione: è l'omicidio dell'identità.". Unisciti con Penelope Italia Onlus ed 3.270 sostenitori più oggi.